mercoledì 10 marzo 2010

Ajami

Scandar Copti, co-regista del film Ajami nominato per l'Oscar ha dichiarato a Los Angeles che non sente di rappresentare Israele" non posso rappresentare un paese che non mi rappresenta" ha detto, con un ragionamento che non fa una grinza.
.La destra israeliana è immediatamemte esplosa e il Ministro della Cultura Limor Livnat lo ha avoccusato di ingratitudine , visto che il film è stato finanziato anche
dallo Stato.
Copti non fa parte di alcun movimento islamico e non è nato e vissuto in un villaggio in Galilea .È di Yaffo , praticamente Tel Aviv , ha 35 anni , ha studiato in Israele , è un palestinese israeliano , non ha nulla di diverso da qualsiasi ragazzo ebreo israeliano , e ciò malgrado non si sente totalmente integrato.
In un'intervista al giornale Haaretz, Abir Kopty, 34 anni, un altro giovane e colto israeliano palestinese parla, numeri e fatti alla mano, della della sua sensazione .del suo sentirsi parte di uno Stato che lo discrimina nel lavoro , nelle condizioni di vita..
E poi aggiunge : " molti anni fa abbiamo deciso di legare il nostro destino a quello dello Stato di Israele , vogliamo essere uguali e contemporaneamente differenti , e vogliamo che capiate che questo Stato è stato creato sulle rovine del nostro popolo.
Joe Biden ( il vice di Obama) è qui ma neanche si sogna di parlare con noi .
Nessuno ci ascolta , nessuno ci vede, siamo trasparenti"

Quanto a me,conosco palestinesi israeliani, ho amici palestinesi israeliani. E sono certa che la famosa bomba iraniana fa la stessa paura a loro e a noi ..
.

2 commenti:

  1. H. L. Lehmann11 marzo 2010 03:07

    Impressionata positivamente da questo blog.
    Nel corso degli anni ti ho seguita e letto alcuni dei tuoi articoli.
    Auguri Manuela.

    L. H. Lehmann ---Natanya.

    RispondiElimina