lunedì 28 giugno 2010


Oggi sono iniziati i lavori della commissione sulla questione della flottiglia turca.
A dire il vero, è un pò (tanto) ridicola , perchè i membri sono talmente anziani che ci si chiede se la testa ancora funziona.
Uno, 93 anni, si è presentato addirittura col badante filippino.
Ma più che della commissione, mi sembra che gli israeliani si interessino soprattuttoo del Mondial che viene visto in casa e ovunque, all'aperto, in spiaggia, nei mega schermi nei bar.( A proposito di spiaggia Tel Aviv è piena di turisti. Il bagnino ha imparato a dire "attenzione il mare oggi è pericoloso " in francese, italiano, russo, inglese)
E a ogni gol, e non importa di chi, sono urli da farti rizzare i capelli.
Ma più lontano ieri ci sono state altre urla : nel deserto , per esattezza , c'è stato un evento epico, molto particolare : centinaia di uomini e donne sono andati a urlare verso Dio , proprio così, nel deserto della Giudea , di notte, a urlare e a urlare e a urlare tutti insieme, a Dio, fino all'alba, e a chiedere per noi la sua benevolenza.
Che Dio ci aiuti..
Oggi sono quattro anni dalla seconda guerra del Libano in cui morirono 110 soldati tra cui il figlio di un mio amico , lo scrittore David Grossman.

sabato 26 giugno 2010

Uri Avnery on Gilad Shalit

Uri Avnery
June 26, 2010

Shalit, For Example

I AM composing these lines while looking through the window at the blue waters of the Mediterranean Sea, and thinking about the young man who is being held not far from this sea, a few dozen kilometers from here.

Can Gilad Shalit look out on the same sea through his window? Does he even have a window? How is he? How is he being treated?

He has been in captivity for four years and one day today, with no end in sight.

Gilad Shalit has become a living symbol – a symbol of Israeli reality, of the inability of our leaders to make decisions, of their moral and political cowardice, of their inability to analyze a situation and draw conclusions.

IF THERE had been an opportunity to free Shalit through military action, the Israeli government would have seized it eagerly.

So much is obvious, because the Israeli public always prefers solving a problem by force than doing anything that might be interpreted as weakness. The rescue of the hostages at Entebbe in 1976 is considered one of the most glorious exploits in the history of Israel, even though there was only a hair’s breadth between success and failure. It was a gamble with the lives of the 105 hostages and the soldiers, and it was successful.

In other cases, though, the gamble did not succeed. Not in Munich in 1972, when they gambled with the lives of the athletes, and lost. Not in Ma’alot in 1974, when they gambled with the lives of the schoolchildren, and lost. Not in the attempt to free the captured soldier Nachschon Wachsman in 1994, when they gambled with his life, and lost.

If there had been any chance of freeing Shalit by force, they would have risked his life, and probably lost. Fortunately for him, there has been no such chance. So far.

Actually, this is quite remarkable. Our security services have hundreds of secret collaborators in the Gaza Strip, in addition to high tech surveillance. Yet it seems that no reliable information about Shalit’s whereabouts has been obtained.

How has Hamas succeeded in this? Among other measures, by not allowing any contact with the captive – no meetings with the International Red Cross or foreign dignitaries, just two short videos, almost no letters. They simply cannot be pressurized. They refuse all requests of this nature.

This problem could possibly be overcome if our government had been ready to give assurances that no attempt would be made to free him by force, in return for a Hamas undertaking to let him meet with the Red Cross. To be credible, such an undertaking would probably need a guarantee by a third party, such as the US.

Absent such an arrangement, all the sanctimonious speeches by foreign statesmen about “letting the Red Cross meet with the soldier” are just so many empty words.

NO LESS hypocritical are the demands of foreign personalities to “free the kidnapped soldier”.

Such demands are music to the Israeli ear, but completely disregard the fact that the subject has to be an exchange of prisoners.

Gilad Shalit is alive and breathing, a young man whose fate arouses strong human emotions. But so are the Palestinian prisoners. They are alive and breathing, and their fate, too, arouses strong human emotions. They include young people, whose lives are being wasted in prison. They include political leaders, who are being punished for simply belonging to one or another organization. They include people who, in Israeli parlance, “have blood on their hands”, and who, in Palestinian parlance, are national heroes who have sacrificed their own freedom for their people’s liberation.

The price demanded by Hamas may seem exorbitant – a thousand for one. But Israel has already paid such a price for other prisoners in the past, and that has become the standard ratio. Hamas could not accept less without losing face.

The thousand Palestinian prisoners have families – fathers, mothers, husbands, wives and children, brothers and sisters. Exactly like Gilad Shalit. They, too, cry out, demand, exert pressure. Hamas cannot ignore them.

THE WHOLE affair is shocking evidence of the inability of our government – both the previous and the present one – to take decisions and even to think logically.

Hamas already fixed the price four years ago, according to past precedents. Their demand has not changed since then.

From the first moment, there was a need to make a decision.

No doubt, such an agreement would strengthen Hamas. It would underline its legitimacy as an important Palestinian factor. It would be seen as confirming the mantra that “Israel understands only the language of force”.

Therefore, it comes down to a simple question: Yes or No?

Yes means a blow to Mahmoud Abbas, whose conciliatory ways have not led to the release of one single important Palestinian prisoner. (The US has vetoed any such agreement, since it would strengthen Hamas, which it designates as a “terrorist organization”, and weaken Abbas, whom the Americans consider as their man.)

NO means life-imprisonment for Shalit, with perpetual danger to his life.

For four years now, our leaders have been unable to decide, much as they are unable to decide upon any other important matter concerning our future. (For example: Two states or one apartheid state? Peace or settlements? Making a peace agreement with Abbas or negotiating with Hamas?)

IN ORDER to wriggle out of the necessity to make a decision, various tricks have been employed. Among others, the assertion that the purpose of the Gaza blockade was to free Shalit.

That was from the beginning a mendacious pretext. The blockade was imposed in order to compel the Gaza population to overthrow the regime of Hamas, which had won the Palestinian elections. The Shalit connection served only for spin.

Now the blockade has been partially lifted. That is a huge victory for the aid flotilla – a victory the planners of the flotilla did not dare to hope for in their wildest dreams. As a result of the stupid decision to attack the Turkish ship, international pressure made this step unavoidable.

Among other pretexts, the government declared that “anyhow the blockade did not help in freeing Shalit”.

Shalit’s parents cried out. They really believed that there was a connection between the blockade and the fate of their son. But it is obvious that, when deciding to give in to international pressure and lift the blockade partially, Binyamin Netanyahu and Ehud Barak did not even think about Shalit.

I stress the word “partially”. True, it is a huge victory for all those of us who said from the beginning that the blockade was immoral, illegal and unwise. The decision to let everything into the Strip except arms constitutes a big change.

But the main problem in Gaza is poverty induced by unemployment. Practically all enterprises in the Gaza Strip have been shut down by the blockade. Not only could they not obtain raw materials, but, no less important, they could not export their products to the West Bank, Israel or the world at large. It seems that this situation has not changed. Even if the remaining enterprises receive raw materials now, they cannot export their products – textiles, fruit, flowers and all the rest. Israeli suppliers will now make millions selling their wares in the Gaza Strip, but the Gazans will not be able to sell their products in Israel.

Anyhow, this does not concern the fate of Shalit.

THE SHALIT family is in terrible distress. One can understand them, but sympathy does not prohibit disagreement.

They are wrong when they object to the lifting of the blockade. They are wrong when they demand that Hamas prisoners in Israel not be allowed family visits. (And not only because the families residing in Gaza are not allowed into Israel anyhow.)

One cannot have it both ways. When Noam Shalit, the father, demands that a thousand Hamas prisoners be released to free his son – he cannot at the same time take part in persecuting Hamas prisoners. He cannot demand humane treatment for his son – and at the same time justify the inhumane treatment of the Gaza population. This double standard bewilders the public and undermines the campaign for freeing Gilad.

The message must be simple, clear and straightforward, and addressed to Binyamin Netanyahu: to make the decision to implement the prisoner swap at once. Gilad will return home, and all Israelis will be jubilant. The Palestinian prisoners will also return to their homes, and there, too, everyone will be jubilant.

THE INABILITY of Netanyahu to make decisions and stand behind them reveals the full extent of his incompetence as a leader.

Instead, we have a specialist in marketing (which happens to be his original profession), a person who wakes up in the morning with polls and goes to sleep at night with polls. The pollsters tell him that freeing Gilad Shalit would be popular in Israel, but freeing the Palestinians would be unpopular. At night, in bed, he agonizes about it: Which would be better? How many votes would be gained, how many votes would be lost?

That is frightening. If he cannot make a straightforward decision about the fate of Shalit, how can he make decisions about the problems that affect the fate of all of us, not for one year but for generations to come?

venerdì 25 giugno 2010

Ehud Olmert Gilad e mio genero

Venerdì , giornata di tranquillità... Avraham non lavora e siamo andati a Gerusalemme a trovare un'amica che è stata operata a un ginocchio, tornando a casa siamo passati dagli Olmert ( Ehud e Aliza) per un caffè.
Ne ho parlato tante volte e sempre la gente si stupisce quando sente della nostra amicizia.
Siamo amici da molti anni , da quando venne al funerale di Joni .Dodici anni fa.
Ho imparato molto di come va il mondo seguendolo da vicino quando era primo ministro e anche adesso che non lo è più. Abbiamo, negli anni , anche avuto molte, moltissime discussioni . Peccato che abbia dovuto dimettersi , stava pericolosamente avvicinandosi a un accordo coi palestinesi . Si è dimesso per un'accusa di corruzione che in Italia farebbe schiantare dalle risate ma qui no ( Olmert e' accusato di aver accettato, quando era sindaco di Gerusalemme, buste con dollari in contanti dall'uomo d'affari statunitense Morris Talansky. E' anche accusato di aver ottenuto rimborsi multipli da diverse istituzioni fra cui il Museo dell'Olocausto Yad Va-Shem per le spese sostenute in viaggi all'estero destinati alla raccolta di fondi.)

Piccole somme , comunque. Ma piccole o grandi mi ha sempre stupito quel signor Talansky comparso dal nulla e poi risparito nel nulla.....

Al ritorno da Gerusalemme , agli angoli delle strade distribuivano un nastro da legare alla mano e una specie di "santino" di Ghilad Shalit. Io sono molto combattuta: la famiglia è disperata e anche il ragazzo non è stato mai visto da nessuno da quande è stato preso prigioniero,( contro ogni regola della comunità internazionale) ma era un caporale, un soldato in guerra, non un bambino rapito per la strada dall'uomo cattivo. Comportiamoci da Stato sovrano , non da "Shtetel".Sono crudele???

A fine giornata siamo poi passati da mia figlia ; suo marito, Sharon, è ancora militare , in mare, vicino a Gaza , torna a casa mercoledì. Ha ormai 39 anni , è capitano di nave da guerra , e non essendo più tanto abituato quando sale sulla sua nave gli viene il mal di mare !( mi verrebbe da ridere se non mi venisse da piangere)
Per fortuna la nave libanese non arriverà.
P.s. l'altro Sharon . l'ex premier ,è ancora in ospedale in coma irreversibile.
Strano... non ne parla più nessuno. Come se non fosse mai esistito... bel destino, quello dei politici e dei primi ministri....

mercoledì 23 giugno 2010

Piccolo problemi quotidiani e Ghilad Shalit

Oggi avrebbe dovuta essere una giornata tranquilla e mi ero persino messa il costume da bagno per scendere al mare un'oretta.
Invece ho passato l'intera giornata senza uscire di casa ,al telefono, con il tecnico del computer che cercava di ricostruire il mio elenco telefonico dell'Iphone che si era volatizzato ( ho dovuto copiare a mano circa 200 numeri). Sono sfinita. Finalmente adesso, a mezzanotte, mi son tolta di dosso quel maledetto costume.
Ma ho promesso a un amico di facebook che avrei scritto di Ghilad Shalit.

Ghilad Shalit è il giovane soldato israeliano preso prigioniero a Gaza ( in Israele dicono rapito, ma a me sembra che se è un soldato si parli di prigionia).
In questi 4 anni quegli stinchi di santi di Hamas non hanno mai permesso la visita della Croce Rossa , di Ghilad è arrivata solo una lettera e un breve video : si sa pochissimo delle sue condizioni fisiche e psichiche. I suoi genitori sono introversi ,timidi, impacciati , maneggiati e spinti di qua e di là da vari personaggi che hanno fatto del "ritorno a casa" di Ghilad la loro causa.
A me sembra però che alla fine le innumerevoli dimostrazioni pubbliche, i discorsi, i concerti, e persino i palloncini con la sua foto per non parlare dell' embargo e della chiusura di Gaza fatti apposta per premere su Hamas perchè lo liberino, non siano serviti assolutamente a nulla. Anzi , in questo shuk arabo in cui viviamo hanno fatto solo salire il prezzo del suo riscatto e allontanato il suo ritorno.
Per l'opinione pubblica israeliana Ghilad Shalit rimane quasi una persona di famiglia, come se non fossimo uno Stato , ma un grande villaggio, e lui un lontano cugino.
E i migliaia di prigionieri palestinesi nelle nostre galere qui non fanno pena a nessuno. A la guerre comme a la guerre.
Anzi, dei politici volevano, per vendetta, addirittura peggiorargli le condizioni di vita.... come se questo potesse servire a riportare Shalit in Israele.


martedì 22 giugno 2010


Eva è il nome della mia amatissima sorella più piccola ( che non è più tanto piccola ma a me lo sembra ancora ), ed è anche il nome di Eva Mozes Kor , la donna fantastica di cui ho scritto nel Vanity Fair che esce domani.
l'ho conosciuta a roma, e abbiamo fatto amicizia subito. Abbiamo riso e pianto insieme ( più riso che pianto) ci siamo raccontate dei rispettivi mariti e figli , del suo dispiacere per la mancanza di nipoti ( non ne ha e non ne avrà ) e durante la notte ho letto il libro che aveva con sè e non mi poteva lasciare.
Forse non la rivedrò mai più .
Ma le sue parole , spero non mi lasceranno mai.
è stato bello scoprire una sorta di gemella nel dolore, una che si rifiuta
di diventarne schiava. Una ventata di aria fresca.

A proposito di aria a tel aviv ha fatto, ieri e oggi, un gran caldo. 40 gradi , da impazzire. Ieri per sfuggire al caldo ho fatto la spesa a mezzanotte! (il mio supermarket è aperto 24 ore su 24, 364 giorni all'anno , tranne che per Yom Kippur)

lunedì 21 giugno 2010

Dalla Stampa: Barbara Spinelli e il pericolo alle democrazie

In un incontro a porte chiuse con i sindacati europei, l’11 giugno, il presidente della Commissione Barroso avrebbe espresso grande inquietudine sul futuro democratico di Paesi minacciati dalla bancarotta come Grecia, Spagna e Portogallo. Secondo il Daily Mail, avrebbe parlato addirittura di possibili tumulti e colpi di Stato. La Commissione europea ha smentito le parole attribuite al proprio Presidente, ma l’allarme non è inverosimile e molti lo condividono.

Al momento, per esempio, l’ansia è intensa in Grecia, dove il governo Papandreou sta attuando un piano risanatore che comporterà vaste fatiche e rinunce. L’ho potuto constatare di persona, parlando qualche settimana fa con il direttore del quotidiano Kathimerini, Alexis Papahelas: «Le misure di austerità, inevitabili e necessarie, sono irrealizzabili senza una democrazia funzionante e una classe politica incorrotta. Ambedue le cose mancano in Grecia, a causa di una storia postbellica caratterizzata da profonda sfiducia verso lo Stato e da una cultura della legalità inesistente». Papahelas non parla di colpi di Stato - l’esperienza, disastrosa, già è stata fatta a Atene fra il ’67 e il ’74 - ma di movimenti populisti, nazionalisti, «anelanti a falsi Messia».

La tentazione che potrebbe farsi strada è quella di considerare la democrazia come un lusso che ci si può permettere in tempi di prosperità, e che bisogna sospendere nelle epoche d’emergenza che sono le crisi. Apparentemente il regime democratico resterebbe al suo posto: la sua natura liberatoria verrebbe anzi esaltata. Ma resterebbe sotto forma impoverita, stravolta: il popolo governerebbe eleggendo il governo, ma tra un voto e l'altro non avrebbe strumenti per vigilare sulle libertà dei governanti. La democrazia verrebbe sconnessa dalla legalità, dai controlli esercitati da istituzioni indipendenti, dalle Costituzioni: tutti questi strumenti degraderebbero a ammennicoli dispensabili, e la libertà sarebbe quella dei governanti.

Gli italiani sanno che l’allergia alla legalità e ai controlli è un fenomeno diffuso anche da noi, oltre che in Grecia. Sanno anche, se guardano in se stessi, che il bavaglio protettore dell’illegalità è qualcosa che molti si mettono davanti alla bocca con le proprie mani, prima che intervengano leggi apposite. In questi giorni si discute delle intercettazioni: converrebbe non dimenticare che una legge assai simile (la legge Mastella) fu approvata quasi all’unanimità dalla Camera, nell’aprile 2007. Che un uomo di sinistra come D’Alema disse, a proposito di giornali da multare: «Voi parlate di multe di 3 mila euro(...) Li dobbiamo chiudere, quei giornali» (Repubblica, 29-07-06).

La crisi in cui viviamo da tre anni mostra una realtà ben diversa. Se si fonda su una educazione complessa alla legalità e non è plebiscitaria (cioè messianica), la democrazia è parte della soluzione, non del problema. La bolla scoppiata nel 2007 era fatta di illusioni tossiche, di un’avidità sfrenata di ricchezza, e anche della mancanza di controlli su illusioni e avidità. Uscirne comporta sicuramente sacrifici ma è in primo luogo una disintossicazione, un ristabilire freni e controlli. Tali rimedi sono possibili solo quando la democrazia coincide con uno Stato di diritto solido, con istituzioni e leggi in cui il cittadino creda. In Grecia, questi ingredienti democratici sono da ricostituire in parallelo con il risanamento delle finanze pubbliche e i sacrifici, e forse prima. Anche in America, non è con un laissez-faire accentuato che si sormontano le difficoltà ma con più stretti controlli sui trasgressori.

È il motivo per cui Grecia e Stati Uniti concentrano l’attenzione sui due elementi che indeboliscono simultaneamente economia e democrazia: da una parte l’impunità di chi interpreta il laissez-faire come licenza di arricchirsi senza regole, dall’altra l’impotenza dello Stato di fronte alle forze del mercato. Abolire l’impunità e restituire credibilità allo Stato sono giudicati componenti essenziali sia della democrazia, sia della prosperità. Difficile ritrovare la prosperità se intere regioni o intere attività economiche sono dominate da forze che sprezzano la legalità, che si organizzano in mafie, o che immaginano di annidarsi in chiuse identità micronazionaliste. La storia dell’Europa dell’Est e della Russia confermano che senza libertà di parola e senza un indiscusso imperio della legge viene meno il controllo, e che senza controllo proliferano gli affaristi e i mafiosi.

In Grecia, la lotta all’impunità è fattore indispensabile della ripresa, ci ha spiegato Papahelas: «La cura vera consiste nell’approvazione, da parte di tutti i politici, di un emendamento costituzionale che annulli l’immunità garantita a ministri o parlamentari passati e presenti, e che porti davanti alle corti o in prigione i truffatori e gli evasori fiscali.

Si tratta di imbarcarsi in un nuovo capitolo della storia: economico, culturale e antropologico». In America vediamo con i nostri occhi quanto sia importante il controllo sulle condotte devianti di chi si sottrae alle regole: l’audizione al Congresso dell’amministratore delegato di British Petroleum, Tony Hayward, è severissima e trasmessa da tutte le tv. Dice ancora Papahelas: «Il vecchio paradigma - quello di uno Stato senza leggi, in cui regnano ruberie e nepotismi - sta precipitando».

Impunità e allergia alla cultura del controllo (esercitato da istituzioni e da mezzi d’informazione) sono radicate anche in Italia, e anche qui la democrazia è vicina al precipizio. Le innumerevoli leggi varate a protezione di singole persone o gruppi di persone, l’arroccamento identitario-etnico di regioni a Nord e a Sud del Paese: questi i mali principali. La stessa proposta di rivedere l’articolo 41 della Costituzione contiene i germi di un’illusione: l’illusione che l’economia ripartirà, se solo si possono iniziare attività senza controlli preventivi. L’illusione che l’eliminazione di tali controlli sia un bene in sé, anche in Paesi privi di cultura della legalità.

La costruzione dell’Europa non è estranea alla degradazione dello stato di diritto in numerosi Paesi membri. Non tanto perché essa ha sottratto agli Stati considerevoli sovranità (sono sovranità chimeriche, nella mondializzazione) ma perché ha ritardato l’ora della verità: quella in cui occorre reagire alla crisi di legittimità con una rifondazione del senso dello Stato, e non con una sua dissoluzione. Se i politici fanno promesse elettorali non mantenibili, se si conducono come dirigenti non imputabili, è inevitabile che i cittadini e i mercati stessi traggano le loro conclusioni non credendo più in nulla: né nell’Europa, né nei propri Stati, né nei piani di risanamento economico.

Non è un caso che si moltiplichino in Europa le condanne della legge italiana sulle intercettazioni (appello dei liberal-democratici del Parlamento europeo, firmato da Guy Verhofstadt, appello dell’Osce e di Reporter senza frontiere). Un’informazione e una giustizia imbavagliate o dissuase minano la democrazia. Reagiscono alla crisi proteggendo il vecchio paradigma dell’avidità senza briglie. Conservano uno status quo che ha già causato catastrofi nell’economia e nelle finanze.

L’esplosione della piattaforma petrolifera nel Golfo del Messico è stata paragonata a una guerra. Anche la crisi è una specie di guerra. Se ne può uscire alla maniera di Putin: rafforzando quello che a Mosca viene chiamato il potere verticale, imbrigliando giudici e giornalisti, consentendo a mafie e a segreti ricattatori di agire nell’invisibilità, nell’impunità. Oppure se ne può uscire come l’Europa democratica del dopoguerra: con istituzioni forti, con uno Stato sociale reinventato, con la messa in comune delle vecchie sovranità, con un nuovo patto fra cittadini e autorità pubblica

domenica 20 giugno 2010

Come ho conosciuto Bibi Netanyau

Ringrazio John Jones che mi ha spedito questa citazione di Amos Oz , dalla sua autobiografia,
Fra gli ospiti sabbatici a casa del professor Klausner ricordo, seppure un poco vagamente, il poeta rosso fuoco Uri Tzvi Greenberg, che se non si fosse aggrappato stretto con le due mani ai braccioli della sua sedia, così forte da far sbianchire le nocche delle dita, sarebbe volato per aria sopra di noi, tale era il suo sacro ardore. O almeno così mi pareva. E poi Shalom Ben Baruch e sua moglie, il dottor Yosef Nedavah e il dottor Ben Zion Netanyahu con i suoi figli piccoli, a uno dei quali - avrò avuto una dozzina d’anni - una volta assestai un gran calcio perché quello strisciava sempre sotto il tavolo e mi slacciava le scarpe, e mi tirava i pantaloni (e ancora non so se le ho date all’eroe nazionale di Entebbe o al subdolo fratello sceso in politica). (Amos Oz - Una storia d’amore e tenebra)

Come allora, anche ora , al signor Netanyau va dato, ogni tanto, un gran calcio. E non sotto il tavolo, ma apertamente.
Grazie a Dio, non è per niente fatto della stoffa del dittatore , il sig. Netanyau detto Bibi, ed è ancora il figlio dell'ultranazionalista Ben Zion , il fratello minore dell'eroe Yoni, e il marito della signora Sara dal terribile carattere che fa cambiare i vestiti alla collaboratrice domestica ogni volta che cambia stanza , che una volta ha tirato una scarpa a una babysitter, e che pare che gli faccia gran scenate ogni volta che entra a casa.( chissà oggi! la signora è moltooooo di destra)
Insomma , Bibi, grazie a Dio , è un pavido.
A suo tempo, dopo la morte del mio Joni nella guerra del Libano ( quella precedente) chiesi di incontrarlo per dirgli quello che pensavo della politica del suo governo. Lui non ebbe mai il coraggio di farlo e così iniziai la mia protesta pubblica e il resto è storia ( non fui l'unica a protestare , naturalmente, ma so anche quale fu la mia parte).
E adesso, impaurito,ammorbidisce l'embargo civile su Gaza : entrerà la pasta e il cemento e forse arriveranno anche il cioccolato , le matite e i quaderni e il prezzemolo ( la cannella, non si sa perchè è sempre entrata!) , da cento prodotti non passeranno ai 12000 di un qualunque supermarket israeliano, ma certamente a molto di più di prima ( il resto, fino ad ora, è sempre arrivato attraverso i tunnel dall'Egitto, anche le automobili , e i giovani costruttori di tunnel sono i nuovi ricchi di Gaza) .

Ma ne valeva la pena? se il blocco a Gaza serviva per indebolire Hamas- non è servito :Hamas si è rinforzato , grazie all'embargo.
Se serviva per liberare il soldato Ghilad Shalit, Shalit è ancora lì, anni dopo.

Quanto tempo perso, per finire, alla fine , a fare la cosa giusta solo dopo aver preso un gran calcio nel sedere.
E ciò malgrado "adoro" Bibi quando ha paura. Sono i suoi momenti migliori. E ho paura di Ehud Barak che dicono non abbia mai paura. ( anche se proprio per questo fu proprio lui , a suo tempo , quando capì che l'opinione pubblica stava cambiando ,a decidere di ritirare l'esercito dal Libano)

E già da oggi aumenterà del 30% il numero dei camion che entrerà a Gaza da Israele.

sabato 19 giugno 2010

israele è anche....e grazie Riccardo

Grazie Riccardo , di quello che mi hai scritto, che non è affatto prolisso.
E grazie alle persone che trovano il tempo di commentare e scrivermi qui e su facebook, mi aiutano molto.

Israele è anche il Paese in cui ci siamo trovati, in 47000 (sì, quarantasettemila!) ad ascoltare le canzoni di Sir Elton John allo stadio di Ramat Gan. 47000 tra giovani , meno giovani e quasi vecchietti a cantare con lui,a ballare, a commuoversi con le sue canzoni, a urlarne le parole come un solo uomo, a godersela insomma .
E anche questa è Israele , parte della schizofrenia di questo Paese che in questi giorni faccio fatica ad amare per tante ragioni e non posso farne a meno di amare per altrettante ragioni , perchè ormai è parte di me stessa , come un figlio che anche quando ne combina di tutti i colori e va un pò via di testa ,rimane pur sempre un figlio.
Uri Avnery
June 19, 2010

A Flash of Lightning

NIGHT. UTTER darkness. Heavy rain. Visibility close to nil.

And suddenly – a flash of lightning. For a fraction of a second, the landscape is lit up. For this split second, the terrain surrounding us can be seen. It is not the way it used to be.

OUR GOVERNMENT’ action against the Gaza aid flotilla was such a lightning flash.

Israelis normally live in darkness as far as seeing the world is concerned. But for that instant, the real landscape around us could be seen, and it looked frightening. Then the darkness settled down over us, Israel returned to its bubble, the world disappeared from view.

This split second was enough to reveal a dismal scene. On almost all fronts, the situation of the State of Israel has worsened since the last flash of lightning.

The flotilla and the attack on it did not create this landscape. It has been there since our present government was set up. But the deterioration did not start even then. It began a long time before.

The action of Ehud Barak & Co. only lit up the situation as it is now, and gave it yet another push in the wrong direction.

How does the new landscape look in the light of Barak’s barak? (“barak” means lightning in Hebrew.)

THE LIST is headed by a fact that nobody seems to have noticed until now: the death of the Holocaust.

In all the tumult this affair has caused throughout the world, the Holocaust was not even mentioned. True, in Israel there were some who called Recep Tayyip Erdogan “a new Hitler”, and some Israel-haters talked about the “Nazi attack”, but the Holocaust has practically disappeared.

For two generations, our foreign policy used the Holocaust as its main instrument. The bad conscience of the world determined its attitude towards Israel. The (justified) guilt feelings – either for atrocities committed or for looking the other way – caused Europe and America to treat Israel differently than any other nation – from nuclear armaments to the settlements. All criticism of our governments’ actions was branded automatically as anti-Semitism and silenced.

But time does its work. New tragedies have blunted the world’s senses. For a new generation, the Holocaust is a thing of the remote past, a chapter of history. The sense of guilt has disappeared in all countries, except Germany.

The Israeli public did not notice this, because in Israel itself the Shoah is alive and present. Many Israelis are children or grandchildren of Holocaust survivors, and the Holocaust has been imprinted on their childhood. Moreover, a huge apparatus ensures that the Holocaust will not disappear from our memory, starting from kindergarten, through ceremonies and memorial days, to organized tours “there”.

Therefore, the Israeli public is shocked to see that the Holocaust has lost its power as a political instrument. Our most valuable weapon has become blunt.

THE CENTRAL pillar of our policy is our alliance with the United States. To use a phrase dear to Binyamin Netanyahu (in another context): it’s “the rock of our existence”.

For many years, this alliance has kept us safe from all trouble. We knew that we could always get from the US all we needed: advanced arms to retain our superiority over all Arab armies combined, munitions in times of war, money for our economy, the veto on all UN Security Council resolutions against us, automatic support for all the actions of our successive governments. Every small and medium country in the world knew that in order to gain entrance to the palaces of Washington, the Israeli doorkeeper had to be bribed.

But during the last year, cracks have appeared in this pillar. Not the small scratches and chips of wear and tear, but cracks caused by shifts of the ground. The mutual aversion between Barack Obama and Binyamin Netanyahu is only one symptom of a much deeper problem,

The Chief of the Mossad told the Knesset last week: “For the US, we have ceased to be an asset and become a burden.”

This fact was put into incisive words by General David Petraeus, when he said that the ongoing Israeli-Palestinian conflict is endangering the lives of American soldiers in Iraq and Afghanistan. The later soothing messages did not erase the significance of this warning. (When Petraeus fainted this week at a Senate hearing, some religious Jews viewed it as divine punishment.)

IT IS not only the Israeli-American relationship that has undergone a fateful change, but the standing of the US itself is changing for the worse, a bad omen indeed for the future of Israeli policy.

The world is changing, slowly and quietly. The US is still by far the most powerful country, but it is no longer the almighty superpower it had been since 1989. China is flexing its muscles, countries like India and Brazil are getting stronger, countries like Turkey – yes, Turkey! – are beginning to play a role.

This is not a matter of one or two years, but anyone who is thinking about the future of Israel in ten, twenty years must understand that unless there is a basic change in our position, our position, too, will decline.

IF OUR alliance with the US is one central pillar of Israeli policy, the support of the vast majority of world Jewry is the second.

For 62 years, we could count on it with our eyes shut. Whatever we did – almost all the world’s Jews stood at attention and saluted. In fire and water, victory or defeat, glorious or dark chapters – the world’s Jews did support us, giving money, demonstrating, pressuring their governments. Without second thoughts, without criticism.

Not anymore. Quietly, almost silently, cracks have appeared in this pillar, too. Opinion polls show that most American Jewish young people are turning away from Israel. Not shifting their loyalty from the Israeli establishment to Israel’s liberal camp – but turning away from Israel altogether.

This will not be felt immediately either. AIPAC continues to strike fear into Washingtonian hearts, Congress will continue to dance to its tune. But when the new generation comes to man key positions, the support for Israel will erode, American politicians will stop crawling on their bellies and the US administration will gradually change its relations with us.

IN OUR immediate neighborhood, too, profound changes are underway, some of them beneath the surface. The flotilla incident has exposed them.

The influence of our allies is decreasing constantly. They are losing height, and an old-new power is on the rise: Turkey.

Hosni Mubarak is busy with his efforts to pass power to his son, Gamal. The Islamic opposition in Egypt is raising its head. Saudi money is trumped by the new attraction of Turkey. The Jordanian king is compelled to adapt himself. The axis of Turkey-Iran-Syria-Hisbollah-Hamas is the rising power, the axis of Egypt-Saudi Arabia-Jordan-Fatah is in decline.

BUT THE most important change is the one that is taking place in international public opinion. Any derision of this reminds one of Stalin’s famous sneer (“How many divisions has the pope?”)

Recently, an Israeli TV station showed a fascinating film about the German and Scandinavian female volunteers who flooded Israel in the 50s and 60s to live and work (and sometimes marry) in the kibbutzim. Israel was then seen as a plucky little nation surrounded by hateful enemies, a state risen from the ashes of the Holocaust to become a haven of freedom, equality and democracy, which found their most sublime expression in that unique creation, the kibbutz.

The present generation of idealistic youngsters from all over the world, male and female, who would once have volunteered for the kibbutzim, can now be found on the decks of the ships sailing for downtrodden, choked and starved Gaza, which touches the hearts of many young people. The pioneering Israeli David has turned into a brutish Israeli Goliath.

Even a genius of spin could not change this. For years, now, the world sees the State of Israel every day on the TV screen and on the front pages in the image of heavily armed soldiers shooting at stone-throwing children, guns firing phosphorus shells into residential quarters, helicopters executing “targeted eliminations”, and now pirates attacking civilian ships on the open seas. Terrified women with wounded babies in their arms, men with amputated limbs, demolished homes. When one sees a hundred pictures like that for every picture that shows another Israel, Israel becomes a monster. The more so since the Israeli propaganda machine is successfully suppressing any news about the Israeli peace camp.

MANY YEARS ago, when I wanted to ridicule the addiction of our leaders to the use of force, I paraphrased a saying that reflects much of Jewish wisdom: “if force does not work, use brains.” In order to show how far we, the Israelis, are different from the Jews, I changed the words: “If force doesn’t work, use more force.”

I thought of it as a joke. But, as happens to many jokes in our country, it has become reality. It is now the credo of many primitive Israelis, headed by Ehud Barak.

In practice, the security of a state depends on many factors, and military force is but one of them. In the long run, world public opinion is stronger. The pope has many divisions.

In many respects, Israel is still a strong country. But, as the sudden illumination of the flotilla affair has shown, time is not working in our favor. We should deepen our roots in the world and in the region – which means making peace with our neighbors – as long as we are as strong as we are now.

If force doesn’t work, more force will not necessarily work either.

If force doesn’t work, force doesn’t work. Period.

giovedì 17 giugno 2010

al supermarket, Gaza. Haredim

Mentre facevo la spesa ho incontrato, davanti al macellaio , mio genero in divisa .
Per quindici giorni sarà in servizio militare di riserva( è un servizio militare annuale) come capitano di nave da guerra. Gli ho chiesto dove lo mandano, e lui ha risposto "A gaza" ,
e io ho preso paura .
Subito ho iniziato a "prepararmi" : a immaginare l'annuncio della sua morte , e la faccia di mia figlia e i tre bambini orfani. Mi sono scossa dall'incubo a occhi aperti e gli ho chiesto cosa gli fanno fare a Gaza. lui mi ha detto "andiamo ad attendere una nave libanese carica di donne Hizbollah" .
"Speriamo che questa volta non vi facciano fare altre cretinate " ho commentato.
E la signora alle mie spalle che aspettava il suo turno per comprare un pollo ha esclamato a voce alta " basta farli saltare tutti per aria. "
Senza guardarla ho risposto che nessuno l'aveva interpellata , (ma le avrei tirato volentieri uno schiaffone).
Il macellaio , un arabo israeliano che stava allegramente decantando la qualità felle fettine di tacchino, si è zittito , come se in qualche modo stessero parlando di lui. ci siamo guardati in silenzio. è stato il mio modo di chiedergli scusa

100.000 "haredim" ( ultrareligiosi) stanno accompagmando in prigione 49 coppie di genitori Haredim ashkenaziti che preferiscono la galera ( per razzismo) alla possibilità che le loro figlie studino nelle stessa scuola con bambine sefardite.
E di nuovo, che vergogna.

mercoledì 16 giugno 2010

giornale di ieri

sfoglio a caso il giornale di ieri ( quello di oggi non l'ho ancora comprato).
1) istituita la commissione d'inchiesta per il blitz alla flottiglia che indagherà anche su eventuali crimini di guerra o violazioni del diritto internazionale in base agli standard occidentali. A capo della commissione è stato nominato l'ex giudice della Corte suprema israeliana Jacob Turkel ( 75 anni) , che lavorerà con Shabtai Rosen, 93 anni, professore di diritto internazionale e con il generale in pensione Amos Horev, 85 anni. ci sarà anche un osservatore internazionale : Lord Trimle, un bimbo di 66 anni , insieme a un canadese.
mi sa che non saranno dei rivoluzionari . di certo piacciono moltissimo al governo.

secondo le ultime ricerche mediche il 10% delle persone oltre i 65 anni soffre di problemi alla memoria , dagli 80 in poi, circa il 40%.
speriamo bene.

altra pagina: Israele boicotta i prodotti turchi
Diverse catene alimentari hanno annunciato che non lavoreranno più con i fornitori turchi. Tra questi vi sono Blue Square, Mega e Mega Bul stores, che importano farina e pasta dalla Turchia per i prodotti venduti con il loro marchio. "La catena Mega ha ascoltato la voce della gente e ha deciso di interrompere l'importazione di farina e pasta che venivano prodotti in Turchia con il proprio marchio, e sta cercando un'alternativa", ha annunciato Blue Square. Rami Levy, proprietario dell'ominima catena di supermarket, ha deciso di interrompere qualsiasi rapporto commerciale con Ankara perché, "per ragioni ideologiche e di coscienza, è inaccettabile per noi non fare niente quando i turchi si comportano in questo modo. E' il minimo che possiamo fare". Levy, che con il suo marchio importava prodotti dalla Turchia, dice ora di "poter facilmente importare piatti dalla Cina, pasta dall'Italia e troveremo qualcun altro da cui importare ketchup.

a me questi sembrano tutti matti...e evidentemente non faccio parte della voce della gente.

altra pagina ancora : due flottiglie iraniane e una libanese sono sulla via di gaza.
naturalmente non le lasceranno entrare... ma su questo, anch'io sono d'accordo.

e poi
Le autorità giudiziarie tedesche hanno confermato oggi l’arresto di un cittadino israeliano sospettato di far parte del Mossad (, e di essere implicato nell’omicidio di un comandante militare di Hamas a Dubai. L’uomo, identificato con il nome di Uri Brodsky, è stato arrestato all’inizio di giugno in Polonia, in base a un ordine di cattura europeo spiccato dalla Germania. Un portavoce della Procura federale tedesca ha detto all’Associated Press che Berlino sta cercando di ottenere la sue estradizione.

L’uomo è sospettato di aver fatto parte del commando che il 19 gennaio scorso ha ucciso in un albergo di Dubai Mahmoud al-Mabhuh, uno dei fondatori dell’ala militare di Hamas. Gli investigatori dell’emirato hanno addossato a Israele la responsabilità dell’omicidio e la polizia di Dubai ha diffuso una lista di 26 sospetti, muniti di passaporti falsi (12 britannici, sei irlandesi, quattro francesi, tre australiani e uno tedesco) con le loro fotografie, sottolineando che in realtà i passaporti erano autentici e che i sospetti avevano di fatto commesso un furto di identità. Uri Brodsky avrebbe aiutato uno dei membri del commando a ottenere un passaporto tedesco nel 2009 .
ieri ho chiesto al mio amico del mossad che conrolli - e sul serio- se per caso quei cretini non stanno usando il mio nome e passaporto vero per un'identità falsa che non si sa mai.
e per oggi, direi, basta.
stavo chiudendo il post quando mi è arrivata una telefonata , di quelle in cui una voce registrata parla da sola : questa diceva "andate a prendervi le nuove maschere anti gas da tenere nel rifugio "
Io tanto, non ce l'ho, il rifugio, e neanche una stanza senza una finestra.

martedì 15 giugno 2010

a tel aviv

questa sera ho incontrato un giovane amico, uomo non particolarmente di sinistra ,anzi per niente, che lavora nel Mossad.
la quantità di stupidaggini fatte dai nostri agenti e dai politici in questi ultimi tempi-mi ha detto - è incredibile.
Semplicemente incredibile.

bellissimo articolo di barbara spinelli

La Stampa, 13.06.2010
Israele e il segreto militare
Difficile capire i pericoli che corre Israele, ­ pericoli non nuovi ma immensamente dilatati dall’assalto, in acque internazionali, alla flottiglia che il 31 maggio ha tentato di forzare il blocco di Gaza, ­ se non si adotta uno sguardo lungo, che amplifichi le nozioni dello spazio e del tempo. Lo spazio più ampio è quello popolato da forze, in Medio Oriente, che sono in mutazione e tendono a divenire potenze decisive: l’Iran è una di queste, ma anche la Turchia. Il tempo più ampio sono i 43 anni in cui Israele è divenuto uno Stato che occupa in maniera permanente spazi non suoi, abitati da un popolo che aspira a emanciparsi dal colonizzatore e a farsi Stato. In questi 43 anni Israele ha goduto di uno speciale privilegio, e ad esso si è abituato: era l’unico Paese nucleare della zona, anche se lo negava, e l’atomica costruita nel ‘55-58 con l’aiuto francese ha funzionato da deterrente. Nessuno Stato arabo poteva oltrepassare certi limiti e mettere in forse la sua esistenza, grazie alla tutela dell’arma ultima che è la bomba. Questa condizione di privilegio non poteva durare in eterno è infatti ora sta vacillando. Il desiderio iraniano di rompere il monopolio israeliano sul nucleare è antico, e precede l’avvento del regime teocratico a Teheran. L’America stessa ha tollerato il monopolio, sia pure faticosamente, e lo tollera di meno oggi che il suo potere globale si sfalda. Nei rapporti tesi fra Obama e Netanyahu c’è la questione atomica, non detta ma sempre più pensata.

Difficile alla lunga vietare ad altri attori l’arma, se la si concede a Israele. Difficile chieder loro di parlare vero, senza chiederlo a Israele. Obama aveva questo in mente, quando invitò il premier israeliano a partecipare alla conferenza sulla sicurezza nucleare del 12-13 aprile a Washington. Invito che Netanyahu declinò, credendo di immortalare in tal modo il proprio statuto di potenza nucleare opaca, che nega il possesso della bomba e, al massimo, parla di «opzione nucleare». La conferenza ha auspicato una zona denuclearizzata in Medio Oriente, pensando all’Iran ma anche a Israele. I motivi della non partecipazione si possono capire - Israele non ha firmato il Trattato di non proliferazione - ma rimanere assenti significa vietare a se stessi lo sguardo lungo, nello spazio e nel tempo, che urge in questo momento.

In Israele si parla poco della bomba e della centrale di Dimona. Mordechai Vanunu, il tecnico che lavorava a Dimona e ne rivelò l’esistenza, parlò di 200 testate in un’intervista al Sunday Times del 1986, e venne incarcerato per 18 anni, accusato di alto tradimento. Israele resta una democrazia, ma sull’atomica mantiene un segreto di natura autoritaria. I suoi esperti danno alla segretezza il nome di opacità. Lo storico Avner Cohen, autore di un libro importante sulla questione (Israel and the Bomb, Columbia University Press 1998, rifiutato in Israele) sostiene che l’opacità è una «cultura chiusa in se stessa che non permette di pensare l’epoca della post-opacità». I responsabili dell’atomica si sono «abituati a lavorare nell’anonimato, immunizzati da critiche esterne». Il segreto nucleare è un paravento forse necessario in passato, ma che ora copre debolezze e gesti di follia politica.

La guerra dei Sei giorni, nel ’67, fu combattuta al riparo della bomba, ultimata tra la fine degli Anni 50 e i primi 60. Ma possedere la bomba senza ammetterlo ha finito col congelare il pensiero, dando a Israele l’impressione di un tempo immobile, di un monopolio non scalfibile. Congelamento accentuato dall’assenza di test nucleari. Per le altre potenze atomiche il test è stato un atto di trasparenza, oltre che di orgoglio o tracotanza. In Israele la dissimulazione ha consentito che la bomba restasse un deterrente puro, che mette paura senza uscire dall’irrealtà del simbolo.

La volontà dell’Iran di divenire una nazione nucleare (e in futuro una simile volontà turca) mette fine al simbolo dissimulato. La bomba comincia a farsi reale, forse usabile in caso di aggressione. È il risultato d’un monopolio contestato ma anche della politica dell’opacità, che molti leader arabi considerano un oltraggio. È anche il risultato della nuova fragilità delle forze convenzionali israeliane. La bomba è un deterrente efficace quando il suo uso è minacciato, ma non necessario. Quando è necessario, la deterrenza rovina. Le ultime guerre israeliane e l’assalto alla flottiglia hanno confermato tale fragilità. Inoltre Israele ha alle spalle una potenza Usa in declino, invischiata in guerre fallimentari, meno disponibile.

Tanto più grave è la delegittimazione di cui soffre lo Stato israeliano, soprattutto da quando Hamas ha vinto le elezioni del giugno 2007 ed è iniziato il blocco di Gaza. Una delegittimazione che tende a espandersi, non solo localmente ma mondialmente. Il nuovo potere regionale esercitato da Iran e Turchia è guardato con sospetto da Washington, ma in fondo tollerato. L’Iran è trattato come un reietto ma la Turchia resta membro della Nato, con cui esistono solidarietà preziose per Washington. Basti pensare allo strano gioco di scacchi in corso sull’atomica iraniana. Il 9 giugno, il Consiglio di sicurezza ha adottato sanzioni contro Teheran, con il consenso di Russia e Cina. Ma il 17 maggio, un accordo regionale di vasta portata era stato raggiunto tra Iran, Turchia e Brasile, in base al quale Teheran accettava di trasportare in Turchia 1200 chilogrammi di uranio a basso arricchimento, in cambio di 120 chilogrammi di uranio arricchito al 20 per cento da usare per il proprio reattore di ricerca medica. Quel che America, Europa, Russia non erano riuscite a fare per anni, due potenze medie l’hanno ottenuto rapidamente. Ma c’è di più: il 27 maggio, il ministero degli Esteri brasiliano ha reso pubblica una lettera inviata da Obama a Lula (e probabilmente al turco Erdogan) in cui l’accordo di Teheran veniva appoggiato, sia pure scetticamente. Le sanzioni lo hanno messo in sordina, ma forse non affossato.

In questo mondo in mutazione si muove Israele, sempre più ingabbiato dalle inferriate che si è fabbricato. Sempre più prigioniero della propria tendenza a considerare equivalenti due minacce che non lo sono: la minaccia alla sua legittimità, e alla sua esistenza. La prima va combattuta politicamente, e preliminarmente alla lotta per la sopravvivenza. Equiparare all’Olocausto l’atomica iraniana, e la rottura del monopolio sul nucleare, significa impedire a se stessi correzioni di rotta e sforzi di rilegittimazione. Se ogni correzione è rifiutata, niente ha senso: né la lotta alla banalizzazione della bomba, né l’uscita dall’opacità, né un negoziato con potenze nucleari in fieri, né, soprattutto, la soluzione del dramma palestinese. È quest’ultimo che consente a tanti Paesi di delegittimare continuamente Israele.

Se adotta uno sguardo lungo, Israele dovrà per forza scoprire che di tempo ne ha pochissimo, per cambiare radicalmente. Non può continuare a colonizzare terre quando anche il Papa denuncia l’occupazione, non può costruire sempre nuovi insediamenti, a Gerusalemme Est e in Cisgiordania, senza attrarre su di sé il risentimento non solo di Stati contigui ma della stessa America e dell’Europa. Quarantatré anni di colonizzazione hanno reso affannoso quello che ora le tocca fare: facilitare la nascita di un vero Stato accanto a sé, che renda il popolo palestinese non solo fiero ma infine responsabile, dunque anche imputabile.

Gli uomini di Netanyahu ancora si muovono nel mondo di ieri, quello dell’opacità e della sicurezza di sé. Nell’aprile scorso, il presidente del Parlamento Reuven Rivlin ha dichiarato preferibile uno Stato bi-nazionale, piuttosto che dividere Israele e Cisgiordania in due Stati separati. Altri la pensano allo stesso modo. Sono posizioni suicide. Perché se Israele incorpora gli arabi delle zone colonizzate, cesserà di essere uno Stato ebraico. Se non li incorpora, e continuerà a rendere impossibile lo Stato palestinese, cesserà di essere una democrazia. È questo il dilemma cui è condannato, terribile ma ineludibile.

domenica 13 giugno 2010

ancora a virgoletta maledizione del computer mi segue ovunque, adesso per esempio, la linea internet va e viene ( siamo a virgoletta , lunigiana, dopo tutto )
anche la maledizione del caldo mi ha seguita( ha fatto caldo quasi come a tel aviv ) .
E i miei ospiti sono un pò stupiti... i giornali non parlano più granchè della flottiglia ma di ben altri problemi ( gravissimi anche quelli ),
adesso scappo e vado a preparare la colazione per tutti.
quanto mi piace stare qui.

martedì 8 giugno 2010

sono a virgoletta

ed eccomi qua... tempo splendido computer funzionante ( malgrado ieri qualche problema la telecom me li avessse dato ) cognati che vogliono arrivare secondo me fino a roma in gita di mwzza giornata ( ma io non ci vado neanche morta se li traslullerà il mio buon avraham ), un'altra coppia arriva oggi , bisogna di nuovo andare a comprare la carta igienica che "va" che è una meraviglia. anche grazie a me. sono felice ! a parte, appunto, un piccolo attavcco di mal di pancia che mi ha tenuta sveglia fino a tardi ma sta lentamente passando e comunque la mia pancia funziona sempre a modo suo.
adoro lalunigiana e adoro la mia casa. e ogni tanto adoro , per 2 minuti giusti , dimenticarmi della peace flottillia , di gaza e di tutto il resto.

domenica 6 giugno 2010

profili finti e profili veri

Nella mia assoluta stupidità non avevo tenuto conto del fatto che in facebook ,come in ogni altro gruppo di questo genere, ci si possa creare un profilo finto.
Ma perchè stupirmene quando anche nella realtà le persone si creano una personalità finta e se la portano a spasso dalla mattina alla sera? ( forse senza neppure confessarlo a se stessi prima di andare a dormire...o alla mattina al risveglio ) .
Me lo ha spiegato la mia amica Gianna , che all'inizio, tanti anni fa, avevo conosciuto attraverso il computer e basta – e non mi ricordo neppure esattamente come- e oggi è un'amica in carne e ossa e di computer ci capisce molto di più di me..
Non capisco che gusto ci provino i profili finti , forse quello di vivere una vita immaginaria o di usare , a volte, una grande violenza nelle parole che forse con la loro faccia non oserebbero buttar fuori .
D'altra parte facebook mi ha dato anche la possibilità di conoscere delle persone, lettrici in gran parte, ma non solo, ( di V. F. sopratutto) di cui sapevo l'esistenza ma non potevo immaginare come persone nè cosa pensassero o volessero dirmi.
Sì , esistono le lettere al direttore, ma a parte il fatto che a volte non le vedo neanche , non diventano un vero e proprio scambio.
Non immaginavo che questi uomini e donne che ormai comincio a riconoscere per carattere oltre che per nome mi potessero aiutare così tanto, tanto da far sì che quando torno a casa , stanca, nervosa e col mal di pancia, per la prima cosa corro al computer( che malgrado le avventure degli ultimi giorni continua a resistere ). Insomma , tutto questo lungo discorso per dire , semplicemente, grazie.

su facebook

Ancora un giorno e si parte per virgoletta.
Non vedo l'ora.
Oggi mentre ero fuori , (lavorando tra l'altro per cercare fondi per saving children )è scoppiato un minifinimondo sulla mia pagina di facebook più ha continuato a scrivermi un certo signor alex schiavi che da giorni mi fa sapere che sono una grassa e ricca sionista che si aprofitta dei palestinesi e che mi arricchisco a loro spese ( grassa poi... io!).e subito dopo mi chiede anche l'amicizia ....strano modo di dimostrarmela .
A volte i pro palestinesi e i pro israeliani si attaccano in rete con una bella violenza... ( come successe anche in quel famoso anno zero )ma visto che alla fine israeliani e palestinesi siamo tutti destinati a vivere qui ( o a morire qui) tant'è che almeno da fuori ci aiutino a convivere, a odiarci un pò meno.
Si può essere sia propalestinesi che proisraeliani, e lo si può essere contemporaneamente. Io cerco di esserlo. E non è neanche molto difficile.
Mica è una partita di calcio. È vita..

sabato 5 giugno 2010

yeshayau leibowitz e di nuovo uri avnery

Y. Leibowitz, scienziato e filosofo israeliano rispose così in un’intervista nel 1988:
«“Le sue posizioni relative ai territori occupati sono basate su una valutazione puramente pragmatica, razionale, strategica, economica, sociologica, politica di questo stato di cose?” “Politica. Detesto il fascismo. E lo Stato d’Israele, mantenendo una dominazione violenta sopra un’altra nazione diverrà necessariamente fascista. Non lo è ancora. Possediamo un alto grado di libertà di stampa e di libertà di parola. A tutt’oggi lo Stato non è ancora fascista. Ma è sulla strada per diventarlo» (Il Regno documenti 1,1989, p. 62).

Uri Avnery
June 5, 2010

Kill a Turk and Rest

ON THE high seas, outside territorial waters, the ship was stopped by the navy. The commandos stormed it. Hundreds of people on the deck resisted, the soldiers used force. Some of the passengers were killed, scores injured. The ship was brought into harbor, the passengers were taken off by force. The world saw them walking on the quay, men and women, young and old, all of them worn out, one after another, each being marched between two soldiers…

The ship was called “Exodus 1947”. It left France in the hope of breaking the British blockade, which was imposed to prevent ships loaded with Holocaust survivors from reaching the shores of Palestine. If it had been allowed to reach the country, the illegal immigrants would have come ashore and the British would have sent them to detention camps in Cyprus, as they had done before. Nobody would have taken any notice of the episode for more than two days.

But the person in charge was Ernest Bevin, a Labour Party leader, an arrogant, rude and power-loving British minister. He was not about to let a bunch of Jews dictate to him. He decided to teach them a lesson the entire world would witness. “This is a provocation!” he exclaimed, and of course he was right. The main aim was indeed to create a provocation, in order to draw the eyes of the world to the British blockade.

What followed is well known: the episode dragged on and on, one stupidity led to another, the whole world sympathized with the passengers. But the British did not give in and paid the price. A heavy price.

Many believe that the “Exodus” incident was the turning point in the struggle for the creation of the State of Israel. Britain collapsed under the weight of international condemnation and decided to give up its mandate over Palestine. There were, of course, many more weighty reasons for this decision, but the “Exodus” proved to be the straw that broke the camel’s back.

I AM not the only one who was reminded of this episode this week. Actually, it was almost impossible not to be reminded of it, especially for those of us who lived in Palestine at the time and witnessed it.

There are, of course, important differences. Then the passengers were Holocaust survivors, this time they were peace activists from all over the world. But then and now the world saw heavily armed soldiers brutally attack unarmed passengers, who resist with everything that comes to hand, sticks and bare hands. Then and now it happened on the high seas – 40 km from the shore then, 65 km now.

In retrospect, the British behavior throughout the affair seems incredibly stupid. But Bevin was no fool, and the British officers who commanded the action were not nincompoops. After all, they had just finished a World War on the winning side.

If they behaved with complete folly from beginning to end, it was the result of arrogance, insensitivity and boundless contempt for world public opinion.

Ehud Barak is the Israeli Bevin. He is not a fool, either, nor are our top brass. But they are responsible for a chain of acts of folly, the disastrous implications of which are hard to assess. Former minister and present commentator Yossi Sarid called the ministerial “committee of seven”, which decides on security matters, “seven idiots” – and I must protest. It is an insult to idiots.

THE PREPARATIONS for the flotilla went on for more than a year. Hundreds of e-mail messages went back and forth. I myself received many dozens. There was no secret. Everything was out in the open.

There was a lot of time for all our political and military institutions to prepare for the approach of the ships. The politician consulted. The soldiers trained. The diplomats reported. The intelligence people did their job.

Nothing helped. All the decisions were wrong from the first moment to this moment. And it’s not yet the end.

The idea of a flotilla as a means to break the blockade borders on genius. It placed the Israeli government on the horns of a dilemma – the choice between several alternatives, all of them bad. Every general hopes to get his opponent into such a situation.

The alternatives were:

(a) To let the flotilla reach Gaza without hindrance. The cabinet secretary supported this option. That would have led to the end of the blockade, because after this flotilla more and larger ones would have come.

(b) To stop the ships in territorial waters, inspect their cargo and make sure they were not carrying weapons or “terrorists”, then let them continue on their way. That would have aroused some vague protests in the world but upheld the principle of a blockade.

(c) To capture them on the high seas and bring them to Ashdod, risking a face-to-face battle with activists on board.

As our governments have always done, when faced with the choice between several bad alternatives, the Netanyahu government chose the worst.

Anyone who followed the preparations as reported in the media could have foreseen that they would lead to people being killed and injured. One does not storm a Turkish ship and expect cute little girls to present one with flowers. The Turks are not known as people who give in easily.

The orders given to the forces and made public included the three fateful words: “at any cost”. Every soldier knows what these three terrible words mean. Moreover, on the list of objectives, the consideration for the passengers appeared only in third place, after safeguarding the safety of the soldiers and fulfilling the task.

If Binyamin Netanyahu, Ehud Barak, the Chief of Staff and the commander of the navy did not understand that this would lead to killing and wounding people, then it must be concluded - even by those who were reluctant to consider this until now – that they are grossly incompetent. They must be told, in the immortal words of Oliver Cromwell to Parliament: “You have sat too long for any good you have been doing lately... Depart, I say; and let us have done with you. In the name of God, go!”

THIS EVENT points again to one of the most serious aspects of the situation: we live in a bubble, in a kind of mental ghetto, which cuts us off and prevents us from seeing another reality, the one perceived by the rest of the world. A psychiatrist might judge this to be the symptom of a severe mental problem.

The propaganda of the government and the army tells a simple story: our heroic soldiers, determined and sensitive, the elite of the elite, descended on the ship in order “to talk” and were attacked by a wild and violent crowd. Official spokesmen repeated again and again the word “lynching”.

On the first day, almost all the Israeli media accepted this. After all, it is clear that we, the Jews, are the victims. Always. That applies to Jewish soldiers, too. True, we storm a foreign ship at sea, but turn at once into victims who have no choice but to defend ourselves against violent and incited anti-Semites.

It is impossible not to be reminded of the classic Jewish joke about the Jewish mother in Russia taking leave of her son, who has been called up to serve the Czar in the war against Turkey. “Don’t overexert yourself’” she implores him, “Kill a Turk and rest. Kill another Turk and rest again…”

“But mother,” the son interrupts, “What if the Turk kills me?”

“You?” exclaims the mother, “But why? What have you done to him?”

To any normal person, this may sound crazy. Heavily armed soldiers of an elite commando unit board a ship on the high seas in the middle of the night, from the sea and from the air – and they are the victims?

But there is a grain of truth there: they are the victims of arrogant and incompetent commanders, irresponsible politicians and the media fed by them. And, actually, of the Israeli public, since most of the people voted for this government or for the opposition, which is no different.

The “Exodus” affair was repeated, but with a change of roles. Now we are the British.

Somewhere, a new Leon Uris is planning to write his next book, “Exodus 2010”. A new Otto Preminger is planning a film that will become a blockbuster. A new Paul Newman will star in it – after all, there is no shortage of talented Turkish actors.

MORE THAN 200 years ago, Thomas Jefferson declared that every nation must act with a “decent respect to the opinions of mankind”. Israeli leaders have never accepted the wisdom of this maxim. They adhere to the dictum of David Ben-Gurion: “It is not important what the Gentiles say, it is important what the Jews do.” Perhaps he assumed that the Jews would not act foolishly.

Making enemies of the Turks is more than foolish. For decades, Turkey has been our closest ally in the region, much more close than is generally known. Turkey could play, in the future, an important role as a mediator between Israel and the Arab-Muslim world, between Israel and Syria, and, yes, even between Israel and Iran. Perhaps we have succeeded now in uniting the Turkish people against us – and some say that this is the only matter on which the Turks are now united.

This is Chapter 2 of “Cast Lead”. Then we aroused most countries in the world against us, shocked our few friends and gladdened our enemies. Now we have done it again, and perhaps with even greater success. World public opinion is turning against us.

This is a slow process. It resembles the accumulation of water behind a dam. The water rises slowly, quietly, and the change is hardly noticeable. But when it reaches a critical level, the dam bursts and the disaster is upon us. We are steadily approaching this point.

“Kill a Turk and rest,” the mother says in the joke. Our government does not even rest. It seems that they will not stop until they have made enemies of the last of our friends.

(Parts of this article were published in Ma’ariv, Israel’s second largest newspaper.)

sabato e moni ovadia ( che mi cita in un articolo sull'unità...) e tante altre cose ancora

un intero sabato senza tivù... che meraviglia. a volte dovrei ringraziare mio marito che mi obbliga a star tranquilla, almeno di sabato ,e a non far niente , solo di sabato, e a leggere i giornali e a giocare con i nipoti senza rispondere al telefono, solo di sabato.

e oggi siamo anche andati al mare con le gemelle ... una gran fatica , ma una meraviglia. il mare, che è lo stesso mare di gaza, era bellissimo , vicino eppure così lontano, e la nostra vita così bella e normale, in confronto alla loro. che vergogna.

finito il sabato, stasera ho visto che la sinistra ha organizzato una dimostrazione con cartelli che dicono "il governo ci sta affondando tutti" , (e dimostranti di destra gli han buttato addosso una bomba lacrimogena).qualcosa, dopotutto si sta muovendo.....
dicono alla tivù che rachel corrie è arrivata. ( forse sarebbe megliodire catturata) senza spargimento di sangue.e thank god for small mercies.

domani ho da fare per saving children e poi rivedo gad lerner e l'umberta che sono in partenza; roberto delera, amico e anche lui di vanity ,è qui anche lui con sua moglie ,e parte lunedì.insomma un bel pezzetto di vanity è qui...

e martedì si parte per virgoletta che è il più bel borgo del staremo una settimana.
e termino questo post un pò telegrafico con moni ovadia -

La fortezza della paranoia

L’assetto psicologico che caratterizza i leader dell’attuale governo israeliano è ben rappresentato da una sola frase che il suo ministro della difesa Ehud Barak, il soldato più decorato della storia di Israele, ha pronunciato in occasione del discorso di congratulazione agli uomini del commando che hanno bloccato la Freedom Flotilla con un massacro: ”…qui [in Medio Oriente] non c’è pietà per i deboli e non si da una seconda chance a chi non si difende”.
Eccola qui la Israele-fortezza delle vittime che ha in mente un politico con questa terribile visione. Andando di questo passo forse potrebbe proporre di istituire una Rupe Tarpea per i deboli come i refusnik, i soldati e gli ufficiali renitenti che sono pronti a dare la vita per il loro paese ma non sono disposti a massacrare civili a casa d’altri, o come lo scrittore Amos Oz perché sostiene che l’uso della forza è lecito solo a scopi puramente difensivi e non per colonizzare e schiacciare militarmente un intero popolo, o come Manuela Dviri scrittrice israeliana che ha perso un figlio in Libano per queste parole: ”dopo tutto quell’assedio (della striscia di Gaza) figlio dell’ossessione militare e politica al dio della sicurezza, ci costringe a vivere, noi stessi, in un infinito stato d’assedio, chiusi in un invisibile fortino, isolati e condannati dai popoli. Adesso dicono che bisogna spiegare al mondo le nostre ragioni…non c’è nulla da spiegare. C’è solo da fare. C’è da ritirarsi finalmente, e per sempre, dai territori. E da Gaza!”
Purtroppo queste parole non toccheranno né i cuori né le menti di questi ottusi governanti e dei loro fan acritici in Israele e nel mondo che vedono in Israele la vittima anche quando il suo esercito occupa e opprime e suoi cittadini colonizzano e rubano terre e vita ai palestinesi. A noi gente di pace e dialogo per rispondere a questa paranoia basta un nome: Itzkhak Rabin.

Moni Ovadia

venerdì 4 giugno 2010

due colonelli a casa mia!

è venerdì mattina... ho un occhio rosso, il destro, la casa è un casino,vicino al computer che ogni tanto si spegne da solo e poi miracolosamente resuscita contro ogni possibile logica ci sono decine di foglietti letteralmente volanti di appunti in disordine, devo fare subito almeno due lavatrici. per fortuna ho spedito ieri notte il prossimo pezzo a vanity e subito mi son messa in cucina perchè stasera è shabat e oggi e domani arrivano figli e ospiti ( bocconcini di pollo alla crema di cocco, minestra iemenita, cuscus , pesce piccante marocchino , patate arrosto, mi son scottata facendolo)e ho acceso la tivù sul canale tre italiano ( ho la parabola)... secondo miracolo: stanno dando totò e i due colonelli( mio padre diceva coglionelli) grazie grazie grazie totò.sono felice. mi sto sganasciando dalle risate, da sola, in cucina. sembro una pazza. e non ho solo riso....totò in quel film fa anche piangere

giovedì 3 giugno 2010

uscito ieri sul fatto quotidiano

Sono stanca. Stanchissima. Stanca di pensare e ripensare perché.
Stanca di parlare dell'orrore di questi giorni , stanca di sognarmelo la notte, ogni notte in modo diverso e sempre orribile.
Dicono che il nostro ministro della Difesa, Ehud Barak, sia un genio, che sappia smontare un orologio in pochi secondi.
Può essere.
Di certo, poi, non lo sa rimontare.
E no, la carneficina non è stata creata a tavolino, nonostante da lontano sembri forse altrimenti... e i soldati mandati allo sbaraglio sono vittime dei nostri politici esattamente come lo siamo noi civili. Troppi anni (43) di occupazione ci hanno ridotto così: semplicemente stupidi, militarmente stupidi, politicamenti stupidi e adesso anche attoniti e spaventati davanti al disastro, isolati nel mondo e davanti al mondo.
È difficile per me, in questi giorni, essere israeliana, anche se questa è la terra che amo e amerò sempre, la terra in cui ho scelto di vivere tanti anni fa, la terra che mi ha portato via un figlio, dodici anni fa, la terra che non potrò mai lasciare, in cui sono nati e vivono i miei figli e i miei nipoti. Che ne sarà del loro futuro?
In queste ore c'è sciopero generale dei palestinesi israeliani; davanti ai consolati e alle ambasciate israeliane del mondo intero, dimostrazioni di protesta. I rapporti con la Turchia, un tempo preziosa alleata, sono tesissimi. Il mondo ci tratta da appestati.

La flottiglia era chiaramente una provocazione e molti di quelli che erano a bordo non erano dei santi, ma non era una flotta di navi di pirati e Gaza non è la Somalia. Se proprio la si voleva allontanare perché attaccarla nelle acque internazionali? Che fretta c'era? Le domande sarebbero tante...sul come e il perchè.
Adesso è iniziato il solito balletto delle giustificazioni e dello scambio d'accuse più o meno velate tra l'esercito e i politici, accompagnato dal coro degli esperti, tutti naturalmente ex politici ed ex generali. Dicono, adesso, che la nave era troppo grossa, che non la si poteva fermare in altro modo. Che a bordo c'erano terroristi, che i nostri soldati erano in pericolo di vita.
E se si chiedessero cosa sarebbe successo se quel folle attacco non fosse semplicemente avvenuto? Se in un atto di vera politica, di intelligenza, lungimiranza, creatività e di normale buon senso, li si fosse semplicemente fatti entrare, gli attivisti, con un uno di quei grandiosi gesti inaspettati che poi passano alla storia, per rompere, insieme, l'assedio, l'inutile e terribile assedio che ha tenuto per questi anni un milione e mezzo di abitanti di Gaza chiusi ermeticamente in una prigione a cielo aperto, senza dare a noi, che siamo dall'altra parte, alcun vantaggio?

Dopo tutto, quell'assedio, figlio dell'ossessione militare e politica al Dio della sicurezza , ci costringe a vivere, noi stessi, in un infinito stato d'assedio, chiusi in un invisibile fortino, isolati e condannati dai popoli.
Adesso dicono che bisogna spiegare al mondo le nostre ragioni... Non c'è nulla da spiegare. C'è solo da fare.
C'è da ritirarsi finalmente, e per sempre, dai territori. E da Gaza.
Manuela Dviri


computer moribondo

il mio computer sta impazzendo come fosse una maionese.
se sparirò per qualche giorno sara' solo per colpa sua.
per il momento lo uso più che altro per lavoro, sperando che non muoia prima dell'arrivo del tecnico... speriamo bene

mercoledì 2 giugno 2010

risposta a gianna:la peace flottilla

juanita, la tua idea è bellissima e se mi capita un altro di quei dibattiti in cui tutti urlano o tutti vanno d'accordo giuro che mi sparo... ma ce le vedo poco le nostre prime donne intelettuali lasciare la scrivania e i musicisti e i direttori d'orchestra le sale dei concerti per salire su quella MERAVIGLIOSA NAVE .
la triste verità è che in questo paese alla deriva bisogna iniziare di nuovo a fare politica ,visto che neanche l'opposizione qui ha detto una parola....non so se ne avrò la forza. adesso tocca ai giovani.
e poi ce lo vedi il mio vecchio avraham che mi sventola il fazzoletto mentre io mi allontano in mare lasciandolo tutto solo a babisitterare le gemelle in questi giorni in cui la babysitter vera è in ospedale dopo un incidente ?
la nave è un magnifico sogno, ne ho anche parlato con amici , e pare che ci sia un gruppo (israeliani e palestinesi) che si sta organizzando per qualcosa di simile-
ti terrò informata. ma per il momento rimane un sogno.

E da domani mattina alle 8 fino alle 15 mi trovate in giro per tel aviv ( con 30 gradi all'ombra ma chi le tiene in casa?) con la carozzina delle gemelle...mia nuora mi sembra un pò preoccupata ma io spero di farcela .gli sto insegnando a cantare -in elegante italiano- ciccio bomba cannoniere, così almeno loro , povere creature, mi tirano su di morale.

ricevo e pubblico questa lettera della mia amica gianna taverna

Una proposta sconveniente ad una donna che non ama i convenevoli.Share. Today at 17:42
Cara Manuela,
i tuoi primi post subito dopo "i fatti" non mi sono piaciuti, ma poi il tuo tono - come era logico - è andato cambiando. Perché di difetti ne avrai pure, ma non l'ipocrisia e la voglia di credere alle fandonie per amore dello spirito di corpo. E il tuo senso di appartenenza alla bandiera, con le due patrie che ti ritrovi, è messo in crisi ogni giorno ovunque tu sia...
Te l'ho detto: di due paesi, uno normale non te lo potevi scegliere, no eh?
Sono due giorni che bestemmio (eh sì... quandoque bona, ecc.) perché sento parole che mi disgustano: trappola, provocazione, fiasco... e non sento quello che vorrei sentire, e cioè che qualunque difetto abbia questa missione, la ragione del suo essere è che esiste il blocco di Gaza, che la gente di Gaza (come tu stessa spesso scrivi) è chiusa a chiave in un porco posto dove la luce non c'è e i generatori cinesi che arrivano via tunnel sono degli scassoni (dei bolacchi, si direbbe qui).
Dove manca l'acqua.
Dove c'è poco cibo.
Dove i bambini sono abbastanza nutriti da sopravvivere ma non abbastanza da crescere come ogni bambino dovrebbe.
Dove non ci si può curare.
E, soprattutto, da dove non si può uscire.
E allora, la trappola è Gaza, la provocazione è Gaza, il fiasco è Gaza.
Trappola per i Palestinesi lì rinchiusi, provocazione per chiunque abbia coscienza al mondo, fiasco di qualsiasi politica nazionale, internazionale, mondiale.
Non me ne importa niente, e non dovrebbe importare niente a nessuno, di chi comanda a Gaza ora: anche Hamas non è altro che il frutto di politiche criminali che hanno di fatto tagliato fuori ogni frangia moderata, lasciando che solo l'estremismo potesse radicarsi.
A questo punto Manuela, non puoi stare zitta, tu zitta non ci sai stare e non ci vuoi stare.
Ho letto il tuo ultimo post, sono d'accordo, scappare non serve.
Ma starsene un po' in barca al largo?
Ecco il mio ultimo vaniloquio, il sogno che ti allungo...
Se tu e altri israeliani illustri - Baremboin, Yehoshua, Oz, Grossman, Rutie Atsmon, Neta Golan - e chissà quanti che non conosco o che dimentico ma che godono anche all'estero di un'immagine che non può essere sporcata nè strumentalizzata o cavalcata da alcuna propaganda, vi imbarcaste in una bella nave e ve ne steste al largo dichiarando "noi restiamo qui fino a che tutto questo non finirà", non sarebbe una bella idea? Non politici di professione, per l'amor del cielo, quelli nascondono sempre qualcosa. Niente ex presidenti, per intenderci...
Non so come la prenderebbe Avraham... ma ti ha perdonato tante altre sortite...
Dalla nave potreste tenere conferenze, interviste (e figurati se Fabio Fazio non volerebbe subito lì...), potreste trasmettere, scrivere...
L'orchestra di Baremboin potrebbe suonare...
Una cosa da intellettuali, non da militanti politici, qualcosa di consono ai vostri personaggi ed alla vostra indiscutibile statura morale. Giornalisti no, le lucide analisi post leniniste sono veramente uggiose e non hanno un briciolo di umanità dentro. Passano via come l'aqua.
Ma le vostre parole no: tu hai perso un figlio, Grossman Pure, Yehoshua e Oz hanno visto nascere Israele quello vero, Baremboin è un ebreo della diaspora che è anche l'unica persona ad avere la doppia nazionalità Israeliana e Palestinese.
E forse non vi sparerebbero addosso.
Io non ne posso più di tavole e tavolini per la pace, servono solo a spendere soldi che potrebbero essere utilizzati meglio; al nostro comune amico G. ho scritto che mi defilo e che sono disposta ad aiutare perché si inviino generatori e si facciano pozzi a Gaza, ma non per chiacchiere senza costrutto. Lo sento abbastanza d'accordo, e credo che lo sia anche tu.
Che dici Manuela, ho sclerato davvero troppo?
Ma non sarebbe bella una cosa, così?
Certo, una cosa da intellettuali, ma questo siete e questo potete regalare, offrire come vostro grande contributo.
Ci pensi?
Ci pensiamo?
Ti prego... qui si comincia a boicottare i prodotti israeliani sul serio, non c'è di meglio da fare in questo momento: dateci VOI una causa per affiancarvi.
Tu che mi conosci lo sai che ho le lacrime agli occhi mentre scrivo, tu lo sai quanto sia importante per me, sono io che non lo so. Ma, sai, è quella storia della nostalgia delle cose mai viste, quella di cui ho scritto.
Pensaci eh!
Ti abbraccio, lontana e vicina come sei

un mio articolo uscito sulla gazzetta dello sport di ieri

Che brutta giornata. Che tristezza svegliarsi la mattina, col sole e una gran voglia di andare al mare, e scoprire che il mondo ti si è ribaltato addosso, per l'ennesima volta con orrore accorgersi di vivere in un paese sempre sull'orlo dell'abisso.
E ogni volta un abisso diverso.
Della flottiglia in viaggio nel tentativo di rompere il blocco navale israeliano a Gaza si sapeva da giorni. Si sapeva anche che gli attivisti imbarcati c'era chi aveva più interesse a provocare che non a portare aiuti. . Ma anche questo, dopotutto, è normale. Così va il mondo.
Da qui si diceva che sarebbero stati scaricati gli aiuti e tranquillamente rispediti a casa gli attivisti. Che stupidità. Perfino che ingenuità. E poi dicono che noi ebrei siamo molto intelligenti.
Non è andata proprio così. Adesso (sono le 14) pare che i morti tra i "pacifisti" siano dieci, molti i feriti e feriti gravemente anche diversi soldati.
I soldati , scesi con le corde dagli elicotteri sulle navi, sono stati attaccati, pare, a sprangate e a pugnalate, incredibilmente, non se l'aspettavano.
Hanno risposto.
E che nessuno creda che qualcuno abbia fatto apposta questa carneficina. Non siamo stupidi fino a questo punto. Queste morti pesano soprattutto su di noi.
E adesso, mentre il nostro Primo Ministro rimane in visita in Canada, alcuni gruppi di israeliani già si stanno organizzando per protestare di fronte al ministero della Difesa.
Hanno ragione. Chiedono di uscire per sempre davvero da Gaza e dai territori, che sono la nostra maledizione.
p.s. ogni giorno che passa mi arrabbio di più

da un lettore di nome alberto

A Milano ho conosciuto un giovane ingegnere israeliano
Insegna lingua inglese ed italiana grauitamente a stranieri specie arabi
E' fuggito da Israele: proprio così fuggito
Dice che insegna agli arabi per sdebitarsi, perchè in Israele non si ritrova piu'
Era un ufficiale dell'esercito
Credo abbia fatto la stessa scelta di un mio amico di un tempo: Trevor
Lui sudafrifcano bianco, di origine ebraica , si iscrisse alL'African National Congress
Ripudio' la famiglia , disertò l'esercito ed aiutò i neri
So che ci vuole coraggio per fare queste scelte
O forse ce ne vuole di piu' per non farle
Ma siamo tutti stranieri: lei in Israele , io in Lombardia , tra i razzisti che parlano la mia stessa lingua e dicono di praticare la mia stessa religione
Lo sono anche quando la Chiesa si schiera con ricchi e oppirme i deboli : quella non è la mia chiesa

Siamo tutti stranieri ma soprattutto ci sentiamo ovunque a casa nostra
Ovunque troviamo un bricolo di umanità: sia nel curoe di un cosiddetto israeliano, sia di un arabo

martedì 1 giugno 2010

prima di addormentarmi

è di nuovo tardissimo. di nuovo una giornata pesante. Stavo lavorando a tutt'altro quando mi ha telefonato il Prof. Reuben Feuerstein , uno dei più grandi psicologi viventi , per organizzare l'intervista che gli avevo chiesto.
Ha chiesto scusa per l'ora , mi ha dato il suo numero di casa e mi ha detto di richiamarlo per dargli la conferma.
quanta semplicità in un uomo della sua statura, quanta gentilezza, quanta cortesia, si diceva una volta.
L'ho richiamato , ci siamo messi d'accordo , e lui è tornato a lavorare.
E quanta differenza con certi personaggi dei nostri tempi che vivono circondati da segretari e controsegretari, pierre e portaborse ....
così domani , anzi oggi, perchè ormai è dopo mezzanotte ,grazie a Dio, per mezza giornata non dovrò occuparmi della flottiglia e della nuova crisi internazionale.
e incontrerò un grande uomo.