giovedì 29 dicembre 2011

che strano caso....

questa notte Aliaa Elmahdi ha ricominciato a scrivere nel suo blog.
era da ottobre che era in silenzio.

e in ebraico (תרגום לעברית לכתבה שנכתבה ופוסמה באיטלקית לעיתון GQ(

כמו חוט אריאדנה, (זה שעזר לתזאוס לצאת מהמבוך) היה עבורי הבלוג של אליה אלמחדי, הבלוגרית המצרית. http://arebelsdiary.blogspot.com
כמו סירנה מפתה מהסיפור על אודיסאוס, הצעירה המצרית גרמה לי להיכנס לעולמה ולעולם חבריה, צעירים מהפכניים מצריים שלאחרונה נעלמו כמעט כולם מהכיכרות אחרי הניצחון של האחים המוסלמים ושל הסלפיטים בבחירות לפרלמנט המצרי.
בתמונה שבה היא צילמה את עצמה היא יפהפיה : יש לה עיניים שחורות, היא עירומה, נועלת נעליים אדומות, לובשת גרבי בריות סקסיות, ורד אדום בשערה ושדיים קטנות ומוצקות מביטות במיקס של תמימות וחוסר בושה אל תוך מצלמה. בתמונות אחרות היא מכסה בעזרת מדבקה את העיניים, הפה ואת אבר המין. היא נראית כמו סתם ילדה אבל היא לא. היא אמיצה.
כל יום אני חוזרת לדף הבלוג שלה כדי לראות אם היא עדיין שם, אם לא החשיכו אותה, אם היא לא נעלמה. בפייסבוק היא איננה כבר. ומה- 23 לאוקטובר היא שותקת. כל עוד היא עדיין קיימת אני מרגישה יותר רגועה. היא מגדירה את עצמה חילונית, ליברלית, פמיניסטית, אינדיבידואליסטית וצמחונית. היא בת עשרים, ומאז שפרסמה את תמונתה היא הפכה לסלבריטי.
"צילמתי את עצמי בבית הורי" אמרה אליה לcnn והסבירה שהמדבקות מייצגות את הצנזורה על הידע שלנו, על הביטוי שלנו ועל המיניות שלנו. בעמוד שלה היא מוסיפה שהיא זועקת כנגד חברה של אלימות, של גזענות, של הטרדה מינית ושל צביעות.
מאות הודעות ענו לפרובוקציה שלה. במדינתה ,מצרים, יותר ויותר נשים מתכסות בחיג'אב וניקב ויחד עם זאת ומספר מקרי האונס וההטרדה המינית עולים מדי יום. בחלק מההודעות מברכים את אליה על אומץ לבה, אבל רבים מאוד, ביניהם גם המהפכנים של כיכר תחריר, בזים לה ופוגעים בה. ההודעה האחרונה שאני קוראת היא של אישה שמאשימה אותה בכך שהיא יותר גרועה מבהמה. לדבריה, החופש אינו חופש להתפשט והאדם נולד עירום אבל צריך להתבייש במערומים. אחרים מפקפקים באפשרות שיוזמתה תוכל באמת לעזור למצב האישה במצרים ובעולם הערבי כולו.
הקריאה של אליה חצתה במהירות את הקילומטרים המעטים שמפרידים בין מצרים לישראל, מרחק שהוא כמעט בלתי עביר היום מבחינה פוליטית. אור טפלר, בחורה ישראלית בת עשרים ושמונה, החליטה לענות לפרובוקציה. היא הוציאה קריאה בפייסבוק וגרמה לארבעים נשים ישראליות להיפגש ולהצטלם יחד ערומות, כדי להראות את התמיכה שלהן" בצורה לגיטימית ובלתי אלימה" .
"אנחנו עונות לה כי היא אישה כמונו, צעירה, אמביציוזית, ומלאת חלומות....וכדי לתת לעולם הזדמנות להתבונן ביופי המיוחד של הנשים הישראליות..." הן אמרו. ולפניהן הציבו שלט, בערבית ובעברית, שאומר "תמיכה באליה אחמדי - האחיות הישראליות".
למעשה גם לאחיות הישראליות יש מה לדאוג.
היופי שלהן ,כל כך חופשי ופתוח בתל אביב, בכל יום נעשה יותר ויותר נדיר ברחובות ירושלים, עיר שבה יש נשים יהודיות שבוחרות לנסוע באוטובוס נפרד, גברים מקדימה, נשים וילדים מאחורה. עיר שבה פנים של נשים נעלמות משלטי החוצות כדי לא לפגוע ברגישויות של הדתיים.

מלחמת התרבויות בין העולם הדתי, מטבעו פונדמנטליסטי וטוטאלי ,לבין העולם המודרני מטבעו חילוני וליברלי, כבר החלה, והיא חוצה דתות ומדינות במזרח התיכון.
האם יצליחו אור ואליה והחברות המזרח תיכוניות במשימתן? אני פסימית.
ובינתיים אני רצה לראות אם אליה עדיין שם .בתמונה שלה, בבלוג שלה. והיא עדיין שם ולבלוג שלה הגיעו תמונות, ציורים בדיחות חדשות , מנשים מכל העולם.
בקשר לאור, אני לא דואגת לה. בישראל, לעת עתה, הדמוקרטיה, אם כי בקושי, עדיין מחזיקה מעמד.

e lo stesso articolo , in arabo

e un pò accorciato....
قد يكون مستقبل الشرق الأوسط متوقف فقط عليها. منذ أشهر أقوم بزيارة مُدَوَّنة الجميلة علية الحمدي – المدوِّنة المصرية - تقريباً بشكلٍ يومي، كي أتأكد عما إذا كانت لا تزال هناك. ومن خلال مدونتها، استطعت – تماماً مثل أليكس في بلاد العجائب – أن أدخل عالم شباب ميدان التحرير.
منذ أكتوبر وهي صامتة، ولكنها لا تزال هناك، عارية في اعتراضها ضد الأصوليين؛ دفاعاً عن الحرية.
رداًّ على طلبها الصامت، أجاب الكثيرون، مثلما قام الكثيرون بِسَبِّها.
إحدى أكثر الإجابات إثارةً للجدل تلك التي أدلى بها 40 فتاة إسرائيلية قُمن بتصوير أنفسهن وهن عاريات، لخوض نفس المعركة، في بلد قريب من الناحية الجغرافية، ولكنه من الناحية المعاصرة بعيد كل البعد.
هل ستنتصر قتيات الشرق الأوسط في معركتهن ضد الأصوليين، دفاعاً عن الحرية والديمقراطية؟
أتمنى ذلك.
حتى هذه اللحظة، لا تزال الديمقراطية تقاوم في إسرائيل.

dal sito di gq, un mio articolo, in arabo e in ebraico

Come un filo d'Arianna è stato per me il blog di Aliaa Elmahdi, la blogger egiziana http://arebelsdiary.blogspot.com
Come una sirena tentatrice la giovanissima mi ha fatto entrare nel suo mondo e in quello dei suoi compagni, dei giovani egiziani arrabbiati come Alaa Abdel Fattah e Mina Daniel, ormai tutti come spariti dalle piazze egiziane dopo la vittoria dei fratelli musulmani e dei salafiti nel primo e secondo turno di elezioni parlamentari.
Nella foto in cui si è auto-ritratta è bellissima: nuda, ballerine rosse, calze nere autoreggenti, una rosa rossa tra i capelli e due piccoli seni acerbi spudoratamente dritti come lo sguardo dei suoi occhi neri che guardano l'interlocutore in un mix di ingenuità e spudoratezza. In altre foto un adesivo le copre gli occhi, la bocca e il sesso. Sembra una ragazzina qualunque, ma non lo è.
È coraggiosa.
Ogni giorno torno alla pagina del suo blog per vedere se è ancora lì, se non l'hanno oscurata. Se non è sparita. Da facebook è sparita. Ed è dal 23 ottobre che tace. Ma finché esiste mi sento più tranquilla. Si definisce "laica, liberale, femminista, vegetariana, individualista". Ha vent'anni e, da quando ha postato la sua foto, è diventata una celebrità. "Ho scattato la foto io stessa nella casa dei miei genitori", ha rivelato Aliaa alla CNN. E spiega che gli adesivi gialli rappresentano "la censura sulla nostra conoscenza, la nostra espressione e la nostra sessualità".
Sulla sua pagina dice che il suo è "un grido contro la società della violenza, del razzismo, della molestia sessuale e dell'ipocrisia". Centinaia di messaggi commentano la sua provocazione, in un Egitto in cui si moltiplicano le donne coperte con il higiab o il niqab nonché gli stupri e le molestie sessuali.
Alcuni si congratulano con Aliaa per il suo coraggio, ma moltissimi, anche tra i compagni di piazza Tahrir, la insultano. L'ultimo commento che leggo è di una donna che l’accusa di essere peggio di un animale perché "la libertà non è spogliarsi, e l'uomo nasce nudo, ma deve vergognarsi di esserlo". Altri mettono in dubbio che la sua iniziativa possa davvero servire a migliorare la condizione della donna in Egitto e nel mondo arabo.
Il suo appello ha attraversato i pochi chilometri tra Egitto e Israele, uno spazio ormai insormontabile, e Or Tepler, israeliana, 28 anni, ha deciso di rispondere alla provocazione. Con un appello lanciato su facebook ha fatto incontrare 40 ragazze israeliane che hanno posato nude per una fotografia di gruppo, "a dimostrare il nostro sostegno in modo non violento e legittimo a una donna che è come noi, giovane, ambiziosa, piena di sogni... e per offrire al mondo l'occasione di ammirare la bellezza speciale delle donne israeliane". In primo piano hanno messo la scritta in arabo e in ebraico che dice “Sostegno ad Aliaa Elmahdi. Le sorelle israeliane”.
Anche le sorelle israeliane, del resto, hanno di che preoccuparsi da quando la loro bellezza, così libera e sfacciata a Tel Aviv, è sempre più rara da vedere nelle strade di Gerusalemme, dove ci sono donne ebree che scelgono di viaggiare in autobus segregati, uomini davanti, donne e bambini dietro, e dai cartelloni pubblicitari sono spariti i volti delle donne per non offendere la sensibilità dei religiosi.
Il conflitto di civiltà, tra il mondo religioso, per sua natura a volte fondamentalista e integralista, e quello moderno, per sua natura di solito laico liberale e progressista, è palesemente in atto. E poco importa quale sia la religione.
Ce la faranno le Or e le Aliaa e le loro compagne mediorientali?
Io sono pessimista.
E intanto vado a vedere se Aliaa è ancora lì. C'è ancora. E al blog si sono aggiunte foto, disegni, vignette, di simpatizzanti dal mondo intero. Quanto a Or, per il momento non c'è di che preoccuparsi. In Israele la democrazia, a fatica, ancora resiste.

P.s. questo articolo verrà tradotto e con la sua uscita verrà anche pubblicato come post sul blog di Aliaa (in arabo), sul mio blog e sulla mia pagina di facebook (in arabo ed ebraico). E nel frattempo in Israele i laici, insieme a non pochi ortodossi "normali" , hanno deciso di scendere in piazza.
Migliaia hanno protestato contro il fanatismo religioso e per mantere il carattere liberale e democratico dello Stato.

כמו חוט אריאדנה, (זה שעזר לתזאוס לצאת מהמבוך) היה עבורי הבלוג של אליה אלמחדי, הבלוגרית המצרית. http://arebelsdiary.blogspot.com
כמו סירנה מפתה מהסיפור על אודיסאוס, הצעירה המצרית גרמה לי להיכנס לעולמה ולעולם חבריה, צעירים מהפכניים מצריים שלאחרונה נעלמו כמעט כולם מהכיכרות אחרי הניצחון של האחים המוסלמים ושל הסלפיטים בבחירות לפרלמנט המצרי.
בתמונה שבה היא צילמה את עצמה היא יפהפיה : יש לה עיניים שחורות, היא עירומה, נועלת נעליים אדומות, לובשת גרבי בריות סקסיות, ורד אדום בשערה ושדיים קטנות ומוצקות מביטות במיקס של תמימות וחוסר בושה אל תוך מצלמה. בתמונות אחרות היא מכסה בעזרת מדבקה את העיניים, הפה ואת אבר המין. היא נראית כמו סתם ילדה אבל היא לא. היא אמיצה.
כל יום אני חוזרת לדף הבלוג שלה כדי לראות אם היא עדיין שם, אם לא החשיכו אותה, אם היא לא נעלמה. בפייסבוק היא איננה כבר. ומה- 23 לאוקטובר היא שותקת. כל עוד היא עדיין קיימת אני מרגישה יותר רגועה. היא מגדירה את עצמה חילונית, ליברלית, פמיניסטית, אינדיבידואליסטית וצמחונית. היא בת עשרים, ומאז שפרסמה את תמונתה היא הפכה לסלבריטי.
"צילמתי את עצמי בבית הורי" אמרה אליה לcnn והסבירה שהמדבקות מייצגות את הצנזורה על הידע שלנו, על הביטוי שלנו ועל המיניות שלנו. בעמוד שלה היא מוסיפה שהיא זועקת כנגד חברה של אלימות, של גזענות, של הטרדה מינית ושל צביעות.
מאות הודעות ענו לפרובוקציה שלה. במדינתה ,מצרים, יותר ויותר נשים מתכסות בחיג'אב וניקב ויחד עם זאת ומספר מקרי האונס וההטרדה המינית עולים מדי יום. בחלק מההודעות מברכים את אליה על אומץ לבה, אבל רבים מאוד, ביניהם גם המהפכנים של כיכר תחריר, בזים לה ופוגעים בה. ההודעה האחרונה שאני קוראת היא של אישה שמאשימה אותה בכך שהיא יותר גרועה מבהמה. לדבריה, החופש אינו חופש להתפשט והאדם נולד עירום אבל צריך להתבייש במערומים. אחרים מפקפקים באפשרות שיוזמתה תוכל באמת לעזור למצב האישה במצרים ובעולם הערבי כולו.
הקריאה של אליה חצתה במהירות את הקילומטרים המעטים שמפרידים בין מצרים לישראל, מרחק שהוא כמעט בלתי עביר היום מבחינה פוליטית. אור טפלר, בחורה ישראלית בת עשרים ושמונה, החליטה לענות לפרובוקציה. היא הוציאה קריאה בפייסבוק וגרמה לארבעים נשים ישראליות להיפגש ולהצטלם יחד ערומות, כדי להראות את התמיכה שלהן" בצורה לגיטימית ובלתי אלימה" .
"אנחנו עונות לה כי היא אישה כמונו, צעירה, אמביציוזית, ומלאת חלומות....וכדי לתת לעולם הזדמנות להתבונן ביופי המיוחד של הנשים הישראליות..." הן אמרו. ולפניהן הציבו שלט, בערבית ובעברית, שאומר "תמיכה באליה אחמדי - האחיות הישראליות".
למעשה גם לאחיות הישראליות יש מה לדאוג.
היופי שלהן ,כל כך חופשי ופתוח בתל אביב, בכל יום נעשה יותר ויותר נדיר ברחובות ירושלים, עיר שבה יש נשים יהודיות שבוחרות לנסוע באוטובוס נפרד, גברים מקדימה, נשים וילדים מאחורה. עיר שבה פנים של נשים נעלמות משלטי החוצות כדי לא לפגוע ברגישויות של הדתיים.

מלחמת התרבויות בין העולם הדתי, מטבעו פונדמנטליסטי וטוטאלי ,לבין העולם המודרני מטבעו חילוני וליברלי, כבר החלה, והיא חוצה דתות ומדינות במזרח התיכון.
האם יצליחו אור ואליה והחברות המזרח תיכוניות במשימתן? אני פסימית.
ובינתיים אני רצה לראות אם אליה עדיין שם .בתמונה שלה, בבלוג שלה. והיא עדיין שם ולבלוג שלה הגיעו תמונות, ציורים בדיחות חדשות , מנשים מכל העולם.
בקשר לאור, אני לא דואגת לה. בישראל, לעת עתה, הדמוקרטיה, אם כי בקושי, עדיין מחזיקה מעמד.

mercoledì 28 dicembre 2011

donne e ultraortodossi

visto che ormai qui non si parla-giustamente - d'altro, e visto che nell'autobus segretato c'ero andata anch'io, pubblico ora l'articolo che avevo scritto circa un mese fa (è uscito su vanity fair).


Se chiudo gli occhi e torno a quelle ore, rivedo il viso pallido della giovane donna e il suo sguardo, immobile, fisso su di me. Io che sorrido e mi muovo imbarazzata, lei che continua a fissarmi, impassibile, senza alcuna espressione, e senza batter ciglio.

Mi ero vestita come loro, prima di uscire di casa per il mio primo viaggio nell'autobus "mehadrin", termine che letteralmente vuol dire "perfetto" e si usa per definire il super kosher, l'estremamente ligio alle regole della religione ebraica.
Nel caso dell'autobus, vuol dire anche volontariamente separato, segregato, donne e bambini dietro, uomini davanti, secondo una nuova e molto discussa "moda" degli "haredi", cioè degli ultra osservanti, degli zeloti, dei fautori di un'osservanza fanatica delle leggi della torah e della divisione dei sessi nei luoghi pubblici per mantenere intatta la purezza e la modestia delle donne.
Trasformata in una “haredi”, senza neppure una traccia di trucco, in gonna nera lunga fino al polpaccio, calze nere, scarpe chiuse, maglietta con le maniche lunghe e capelli coperti da un berretto, avevo persino provato, malgrado il caldo (35 gradi all'ombra), una strana e per nulla spiacevole, quasi esilarante sensazione di totale libertà, come fossi diventata trasparente. Come se avessi smesso di essere una donna e perso ogni desiderio di piacere a chichessia o di essere osservata. Come se avessi smesso per poche ore di essere me stessa.
"Vedo che ti sei travestita, ma lo capiranno comunque che non appartieni a quel mondo" ha commentato la mia amica Judith, la scrittrice Judith Rotem (il suo libro "Lo strappo" è pubblicato in Italia da Feltrinelli), quando le sono comparsa davanti così conciata; “lo capiranno dal modo in cui cammini, da come tieni la testa, muovi le mani, guardi in faccia la gente, ridi. Io, invece, senza fare alcuna fatica, passerò inosservata" ha affermato con sicurezza. “È un mondo in cui sono nata e cresciuta, un mondo che ho lasciato e dal quale, con grande gioia, ho portato via i miei sette figli".
Bney Berak, polverosa e caotica cittadina che ricorda uno shtetl polacco ed è appena alla periferia della scintillante, gaudente e super laica Tel Aviv, è stata la nostra prima fermata.
Salite dalla porta anteriore nell'autobus vuoto, abbiamo pagato e ci siamo diligentemente sedute nei sedili dietro. Erano le 11 e 30. L'autista, laico, ben camuffato anche lui con una gran papalina in testa, ci ha dato il resto senza alzare la testa e senza guardarci in faccia.
Judith ha tirato un sospiro di sollievo: andando a trovare suo figlio, l'unico rimasto “haredi” della sua famiglia, le è capitato di essere stata pesantemente insultata dai passeggeri maschi per essere salita dalla porta anteriore; dalla paura è scesa, è risalita dalla parte posteriore e si è fatta tutto il viagggio, terrorizzata, in un angolo, e senza biglietto.
Questa volta è andata meglio. Rilassata e comodamente seduta nella mia poltrona dell'autobus di linea che intraprendeva il lento cammino in salita nella direzione delle colline intorno alla cittadina (estremamente “haredi”) di Ramat Beit Shemesh, mi son guardata intorno .
Solo allora, e con mia grande sorpresa , ho notato che la stragrande maggioranza dei viaggiatori erano donne, tutte comodamente sedute, come noi, nei sedili posteriori.
"Dove sono finiti i maschi?" ho chiesto delusa a Judith, mentre un soldatino, appena salito, si guardava intorno sorpreso e imbarazzato e alla fine decideva di sedersi dalla parte "giusta", tra i quattro cinque uomini davanti.
"A quest'ora sono nella Yeshivà (la scuola rabbinica)" ha risposto, "tutti chiusi a studiare tra quattro mura più di 12 ore al giorno. Naturalmente c'è chi ama lo studio dei testi sacri, c'è chi lo fa con passione e non desidera o sogna altro, ma c'è anche chi preferirebbe un'altra vita. Un mio giovane lettore, per esempio, uno che mi ha scoperta grazie alla lettura clandestina dei miei libri ‘profani’ in una biblioteca pubblica, non desidera che andarsene".
"E perché non lo fa?"
"È come attraversare un oceano, passare dall'altro lato del mondo. Peccato. Chissà quanti Einstein, Freud e Rubinstein, chissà quanti straordinari Woody Allen che non conosceremo mai si nascondono tra le mura di quelle Yeshivà. Quanti talenti sprecati. Nessuno di loro ha mai letto o mai leggerà un libro ‘normale’, o un giornale laico, o guarderà un programma alla tivù..."
"O parlerà al cellulare" ho continuato, rendendomi conto, dall'irreale silenzio tutto intorno, che nessuna donna aveva il cellulare.
"E a che cosa mai servirebbe loro il cellulare" ha commentato Judith sarcastica, "per parlare con le amiche??".

Non è difficile viaggiare in autobus segregato se segui le regole, seduta da brava nei sedili posteriori.
Tutto diventa più complicato se ti siedi davanti, “alla Rosa Parks” (la coraggiosa antisegregazionista di colore americana), ben tre file più avanti.
Judith e io l'abbiamo fatto al viaggio di ritorno, dopo essere scese al capolinea e risalite nello stesso autobus con lo stesso autista ormai convinto che fossimo importanti funzionarie (travestite) del ministero dei Trasporti.
E questa volta c'erano in autobus anche molti uomini, usciti dalla Yeshivà per la pausa pranzo. Una donna, sola, si è seduta accanto a noi. Non ci siamo scambiate una parola.
Una fermata dopo l'altra gli uomini continuavano a salire, sempre più numerosi, e a sedersi davanti, guardandoci stupiti, forse scandalizzati, per quei posti "rubati" a loro.
Le donne e i bambini, cariche di pacchi, sacchetti, carrozzine, continuavano ad accomodarsi dietro.Le sentivamo parlare a voce bassa tra di loro. Di bambini, di pannolini, di pappe, di lavoro.
Judith le ascoltava, seria, e commentava, con gli occhi sempre più tristi: "Fin da piccole sono indottrinate a rimanere nel loro posto nel mondo: prima ad aiutare la mamma con i fratellini, poi a sposarsi giovanissime, a mettere al mondo 10, 12 bambini, a lavorare per mantenere la famiglia mentre gli uomini studiano. Il giorno più felice della loro vita è il matrimonio (combinato, naturalmente), ma quello è anche il giorno in cui comincia la loro durissima vita vera".
"Per questo" ha aggiunto "io piango sempre ai matrimoni".
E mentre mi svelava pazientemente i meandri di quelle vite per me misteriose e sconosciute come fossero di un altro pianeta, nell'autobus, silenzioso e quasi cupo malgrado i moltissimi bambini, la tensione saliva.
E una voce si è alzata da dietro, una voce giovane, una bella voce di donna.
"Donne" ci ha gridato, "alzatevi e spostatevi, ci sono uomini in piedi, non c'è più posto davanti!".
Judith, la nostra sconosciuta vicina ed io abbiamo risposto che non ci sognavamo neanche, che era nostro pieno diritto sederci dove volevamo, che da parte nostra gli uomini potevano anche stare in piedi o sedersi accanto a noi, e che in un mezzo pubblico non ci sono divisioni o segregazioni di alcun genere.
Poi è tornato quello strano, irreale silenzio. Dalla parte degli uomini neanche una parola.
E io mi sono imbestialita. Mi è venuto da urlare che perfino la protesta, da vigliacchi, la fanno fare alle loro donne fino a farle diventare nemiche di se stesse, dei loro diritti, del loro stesso corpo, ma sono stata zitta.
Tanto a che sarebbe servito? Dal caldo, le calze autoreggenti stavano cominciando a scendermi giù per le gambe, la testa mi prudeva sotto il berretto e una ragazza dal viso scarno mi guardava immobile, impassibile, senza batter ciglio.
Ho provato a sorridere, ma lei non ha risposto.
"Sta cercando di capire chi sei, da dove vieni, perché sei qui, che cosa vuoi" mi ha spiegato Judith.
E siamo scese.


P.S. Secondo la Corte suprema israeliana gli autobus segregati nei quali, per ragioni di «modestia», gli uomini siedono nel settore anteriore e le donne in quello posteriore sono illegali.
Secondo la Corte le compagnie pubbliche israeliane non possono imporre la separazione per sesso nei loro mezzi di trasporto, uomini e donne possano però decidere di sedersi separati su base volontaria. La strana moda quindi continua e malgrado ci siano anche tra gli “haredi” alcuni e alcune che vi si oppongono, come la nostra compagna di viaggio, il numero degli autobus segregati (che ufficialmente non esistono) continua ad aumentare.
E naturalmente gli “haredi”, che sia chiaro, non hanno alcun monopolio sulla religione ebraica, che grazie a Dio, è tutta un'altra cosa.

sabato 3 dicembre 2011

8 e 30

e non ho ancora aperto il giornale. adesso la mia nuova angoscia è l'iran. svegliarsi una mattina e scoprire di essere nel pieno di una nuova guerra fatta scoppiare per pura stupidità , con missili nei centri della città. ma ehud barak il ministro della difesa) adora giocare coi fiammiferi. non è che lo dica solo io, lo dice l'ex capo del mossad. meir dagan, lo dice persino il ministro della difesa americano.
speriamo bene.
domani mattina ho l'aereo per milano.
è alle 7 il che vuol dire alzarsi alle 4 e essere in aeroporto alle 5.
poi da malpensa a padova , e il giorno dopo sicilia per 4 giorni. poi di nuovo padova e alla fine virgoletta.
se almeno si dimagrisse viaggiando... invece no. si ingrassa.

venerdì 2 dicembre 2011

rieccomi

oggi ho parlato per la radio di trieste e mi sono resa conto che era tanto, tantissimissimo che non scrivevo nel blog e lunedì sono di nuovo in partenza per 15 giorni.
è venerdì sera , e c'è una pace, un silenzio , qui a tel aviv.
e un cielo terso, un'aria tiepida.
com'è facile e bello amare questo paese quando smetti di pensare a quello che sarà.
a quello che sta succedendo ( la legge bavaglio, quella contro le ong di sinistra e dei diritti umani ecc.).
quando , per un attimo, smetti di aver paura del futuro.

lunedì 21 novembre 2011

l'infedele

torno al mio povero blog a lungo abbandonato per troppo da fare ....
sono appena tornata a casa dalla diretta con l'infedele. c'era l'eco. che fatica.
e adesso sto seguendo l'infedele da casa.
solo che qui è l'una di notte , anzi di più.
strano questo mondo in cui tutto succede in diretta e in diretta adesso non riesco ad addormentarmi.

martedì 18 ottobre 2011

הפעם בעברית

במשך שבוע שלם מהיום שנודע על שחרורו של גלעד שליט לא שמענו אלא על גלעד שליט, לא ראינו אלא גלעד שליט, לא קראנו אלא גלעד שליט, לא דיברנו אלא גלעד שליט, וזאת אחרי חודשים ושנים ארוכות של קמפיין מפואר, מאוד אישי, קדחתני, במהלכו דמותו נכנסה לבית של כל משפחה והפך ללא ידיעתו ל"ילד של כולנו".

עד כדי כך נכנס לחיינו שנכדותיי התאומות בנות השלוש יודעות לדקלם איך בדיוק הוא נשבה, כמה כואב להוריו ומתי ואיך הוא יחזור. אתמול בתכניות רדיו וטלוויזיה אינסופיות נראו מנחים מותשים, טוחנים דק דק את הנושא, עם הורים שכולים בעד ובנגד, משפטנים, מומחים, אלופים במיל' וקולונלים בהווה, שבויים לשעבר מסוריה ומצרים ופסיכולוגים למצבי חירום. הרגשתי שהכל כל כך דחוס ומיותר, הרגשתי צורך בשקט. די למילים, הייתי זקוקה לאוויר.

והיום, ברגע מזוקק אחד, הכל השתנה אצלי: גלעד שליט סוף סוף חזר. והוא לא ילד, והוא ודאי לא שלנו, הוא בטח לא של ראש הממשלה למרות שהוא ניסה לנכס אותו לעצמו, ובסופו של דבר גם לא של אבא ואמא. פתאום הכרנו חייל צעיר, אדם בזכות עצמו, לחוץ, רזה אבל גם רהוט, רציני ואינטיליגנטי.

האיש הצעיר הזה עלה למדינה שלמה במחיר יקר מאוד אבל אל לנו לבקש שיחזיר לנו משהו בתמורה. מגיע לו סוף סוף לחיות את חייו שלו ושישכח מאיתנו ושאנחנו נניח לו, גם אם מחרתיים אחד המשוחררים יחזור לסורו ויעשה מה שכל כך חששנו ממנו. זה מה שכל אחד מאחל לילד שלו.

הכותבת היא עיתונאית, והיתה פעילה למען היציאה מלבנון

il ritorno di gilad shalit ( un mio articolo da vanity fair online )

http://www.vanityfair.it/news/mondo/2011/10/18/manuela-dviri-gilad-shalit-forza
Questa mattina le mie nipotine, due gemelle di tre anni, erano tutte eccitate. «Oggi», dicevano, «Gilad Shalit torna a casa». Ho chiesto loro chi fosse, questo Gilad Shalit, e mi hanno risposto: «All'asilo ci hanno spiegato che delle persone cattive lo hanno strappato ai suoi genitori ma che finalmente torna a casa». Tutti gli israeliani, che abbiano tre o cento anni, si sono messi stamane davanti alla televisione o alla radio, a seguire le immagini di questo giovane caporale. Improvvisamente, Gilad Shalit è diventato parte delle nostre famiglie. Tutto Israele ha chiesto che venisse liberato.

Le prime immagini che abbiamo visto sono quelle di un ragazzo molto pallido e molto magro, quasi abbagliato dalla luce, avvolto in una divisa paramilitare. Due persone lo sostengono, come se non riuscisse a reggersi in piedi da solo. Una giornalista egiziana lo intervista, quasi fosse un interrogatorio. Lui risponde in ebraico e le sue risposte sono immediatamente tradotte in arabo. Tra una risposta e l'altra respira a fondo, come se fosse vittima di un'enorme tempesta emotiva interna. Gli chiedono quali sono i suoi piani per il futuro. «Sogno il momento in cui rivedrò i miei genitori». «Ho temuto di non tornare mai». «Spero che questo scambio sia un passo avanti per la pace», risponde. E sorride. Sono i primi sorrisi da quando è stato rilasciato. Ora sembra meno fragile. Gli chiedono se vuole aggiungere qualcosa, ma lui è finalmente un uomo libero: non vuole più rispondere, si alza e se ne va. Il commentatore israeliano dice che per un ragazzo che è stato per cinque anni tagliato fuori dal mondo non sembra così perso come si temeva. Alla televisione un ex prigioniero delle carceri siriane spiega il modo di muoversi di Gilad. Si muove come se fosse seduto su una sedia a dondolo, e questo è tipico di chi è stato a lungo in carcere e si trova in una situazione emotiva difficile.


Shalit ha da fare: deve tornare in Israele. Lo attendono le visite dei medici e poi il primo ministro. Solo allora, finalmente, potrà riabbracciare i suoi genitori. Ma questo incontro rimarrà segreto. Tutti noi credevamo di conoscerlo, dopo aver visto la sua immagine stampata ovunque, ma ci sbagliavamo. È molto più forte di quanto ci aspettassimo. Credevamo di veder tornare a casa un ragazzino distrutto. E invece il ragazzino è tornato a casa giovane uomo, coerente, lungi dall'essere distrutto dopo ben cinque anni e mezzo di isolamento.

sabato 15 ottobre 2011

un mio articolo per gq

http://www.gqitalia.it/viral-news/articles/2011/10/gilad-shalit-sara-liberato-scambio-di-prigionieri-israele-hamas-manuela-dviri-per-gq
Il ritorno a casa di Gilad Shalit. E quella promessa fatta a ogni ebreo: un intero popolo è pronto a lottare per te
12 ott 2011 — Manuela Dviri

Gilad Shalit, il soldato israeliano da 5 anni e 4 mesi nelle mani di Hamas, tornerà a casa presto: Israele ha acconsentito a uno scambio con 1027 prigionieri. Un prezzo troppo alto? No, spiega l'editorialista di GQ Manuela Dviri. Perché "Israel arevim ze ba ze": ogni ebreo è responsabile per tutto il resto del popolo. Ed è pronto a ogni sacrificio per salvare un altro ebreo


--------------------------------------------------------------------------------

Era sera quando improvvisamente sono state interrotte tutte le trasmissioni radiofoniche e televisive. Per un attimo ho avuto paura. Di solito succede per gli attentati o per le guerre. Invece è stata solennemente e gioiosamente annunciata la prossima liberazione, anzi, "il ritorno a casa", del giovane soldato Gilad Shalit, prigioniero a Gaza in totale isolamento per ben cinque anni e quattro mesi, in cambio di 1027 prigionieri palestinesi. Mi sono commossa.

E lo spazio si è riempito subito di parole, come sempre succede in questi casi, perché adesso e non prima, qual è il prezzo da pagare, se non la pagheremo cara in futuro...

Eppure, incredibilmente, nell'opinione pubblica c'è pochissima opposizione allo scambio: 1.000 prigionieri palestinesi per un solo soldato non sembrano affatto un prezzo troppo alto da pagare.

La risposta forse la si può trovare in un concetto del tutto ebraico: "Israel arevim ze ba ze", cioè ogni ebreo è responsabile dell'altro, è garante dell'altro. O, meglio, ogni ebreo è responsabile di tutto il resto del popolo. In questo caso vuol anche dire che ogni soldato che parte per combattere deve sapere che un intero popolo lotterà per lui, se mai ce ne sarà bisogno.

Adesso non resta che attendere il ritorno di Gilad, tra qualche giorno.

Una delle condizioni dello scambio era che Gilad stesse relativamente bene. E questa è la tacita domanda che leggi negli occhi dei genitori, nei loro visi per la prima volta sorridenti e poi subito di nuovo contratti. Sognano, lo capisci, una vita normale. Del tutto anonima, tranquilla: nella guerra di Kippur, esattamente 38 anni fa, Noam Shalit, il padre di Gilad, aveva perso un fratello gemello, Yoel.

Penso che se potesse , urlerebbe "adesso basta"

venerdì 14 ottobre 2011

da haaretz, un articolo importante

da haaretz di luglio
Israele sta attraversando una crisi di fiducia rispetto al suo futuro; lo stato ebraico si dibatte tra due realtà contrastanti: da un lato il tentativo di dar vita ad una società morale, democratica e creativa; dall’altro la prosecuzione di politiche inique nei confronti dei palestinesi, come l’esproprio delle loro terre, la costruzione del muro di separazione, le centinaia di posti di blocco disseminati in Cisgiordania. Tutto ciò determina un diffuso senso di colpa all’interno della società israeliana – sostiene il filosofo e psicanalista israeliano Carlo Strenger

L’analisi che proponiamo di seguito fa parte di un insieme di articoli che pubblicheremo nel tentativo di dare una panoramica del dibattito riguardante il futuro del conflitto israelo-palestinese

In occasione del convegno annuale sullo ‘stato della nazione’ organizzato dall’Istituto per gli Studi sulla Sicurezza Nazionale, M.K. Avishay Braverman (membro del partito laburista (N.d.T.) ) ha lamentato che Israele sta andando in pezzi. Il nostro sistema educativo, di cui un tempo in Israele s’andava fieri, è allo sfascio; la corruzione nella pubblica amministrazione è alle stelle; le nostre università stanno morendo di fame; e il debito pubblico è drammatico quasi quanto quello del Brasile.

Le lamentele di Braverman riflettono un disagio generalizzato che pervade lo stato d’animo della popolazione israeliana. Per la prima volta nella storia di Israele lo scetticismo riguardo alle sue possibilità di sopravvivenza, le preoccupazioni sul suo sistema di norme statali, e l’interrogativo se esisterà ancora fra 50 anni, serpeggiano nella società e nei media. Ciò è strano, se si pensa che in passato Israele è stato in situazioni di pericolo esterno ben più gravi, e che oggi le sue risorse economiche e militari sono meglio sviluppate che mai.

Allora perché Israele è incapace di affrontare i suoi problemi sociali? Perché gli scandali per corruzione, lo stato penoso del nostro sistema educativo, o lo stallo della nostra situazione geopolitica, non portano la gente in piazza? Dopo Sabra e Chatila l’opinione pubblica israeliana era eccitata: centinaia di migliaia di persone si mobilitarono per dimostrare in quella piazza dove 13 anni più tardi Yitzhak Rabin sarebbe stato assassinato. La Commissione Kahan, nominata a seguito delle pressioni della protesta popolare, stabilì che Ariel Sharon non era adatto a svolgere il ruolo di ministro della difesa in futuro.

In passato Israele era certo della sua moralità. Il sentimento attuale che la società israeliana stia andando in pezzi riflette invece qualcosa di essenzialmente inedito: Israele non è più certo dei suoi fondamenti morali. Tale paralisi riflette un diffuso senso di colpa riguardo al comportamento attuale di Israele. Da un lato Israele sta facendo un grosso sforzo per dar vita a una società morale, democratica e creativa; dall’altro, nei Territori occupati Israele continua a costruire doppi sistemi stradali, a espropriare le terre palestinesi, a tagliare in due i villaggi palestinesi con il muro di sicurezza, a impedire alle donne palestinesi di raggiungere gli ospedali per partorire. Sotto questo aspetto, la psiche collettiva di Israele ricorda quella di una personalità scissa in situazione post-traumatica. Gli uomini che hanno subito un trauma, in genere legato al servizio militare, spesso sono capaci di mantenere una apparenza di rispettabilità durante il giorno, per poi dare sfogo a scoppi di violenza apparentemente inspiegabili quando ritornano a casa la sera.

La psiche collettiva di Israele funziona in modo similare: a partire dal 1948 poco dopo l’Olocausto, fino al 1967, l’esistenza di Israele fu realmente in pericolo. Il Paese dipendeva soltanto dal suo valore in battaglia, mentre disponeva solo di pochi alleati fedeli. Proprio come se non ci fossimo mai affrancati dal passato, continuiamo ad agire come se Israele fosse ancora un piccolo e isolato ‘Yishuv’ (letteralmente ‘insediamento’; con tale termine si indicano gli ebrei che risiedevano in Palestina prima della creazione dello stato di Israele (N.d.T.) ) minacciato di estinzione immediata, e come se ogni nostra azione fosse giustificata dalla necessità di salvaci la vita. Israele, come società e come paese, accetta e rispetta il principio morale dei diritti umani universali. Dentro di noi, sappiamo bene che è moralmente indifendibile il fatto che causiamo sofferenze a milioni di palestinesi in Cisgiordania per mezzo degli insediamenti costruiti in profondità nei Territori. Eppure lasciamo questo che accada. Badiamo alla nostra convenienza e tentiamo di tacitare la nostra coscienza dicendo: “Non c’è un interlocutore”, o “I posti di blocco sono necessari per impedire gli attacchi terroristici”, o ancora “Guardate che cos’è accaduto quando abbiamo lasciato Gaza! Ce ne siamo andati, e tutto ciò che abbiamo ottenuto sono gli attacchi dei razzi Qassam!”

Mentre l’ultima affermazione ha una qualche validità, tutti i sondaggi evidenziano che la maggior parte degli israeliani crede che gli insediamenti all’interno della Cisgiordania mettano a repentaglio la sicurezza di Israele invece di accrescerla; e anche gli esperti militari sono di questo parere. E questi insediamenti sono la ragione principale che è alla base della stragrande maggioranza dei posti di blocco e degli espropri che rendono la vita impossibile ai palestinesi, e che hanno portato quasi tutti i palestinesi a ritenere che Israele, in realtà, non desideri la pace.

C’è solo un modo per porre fine al disagio generalizzato e spazzar via il timore che Israele sia costruito sulle sabbie mobili. È rimettere in sesto la spina dorsale di moralità che è stata danneggiata dalla scissione della psiche israeliana tra una metà rispettabile che crede nella democrazia e nei diritti umani, e l’altra metà che insensibilmente e automaticamente continua a violare tutte le norme in cui tutti noi crediamo. Dobbiamo assolutamente recuperare la capacità di fare un sincero esame di coscienza per ritornare a essere responsabili delle nostre azioni.

Io prevedo che la paralisi terminerà nel momento in cui Israele troverà la volontà politica di dire ai coloni: “noi comprendiamo il vostro dolore e la vostra rabbia, ma abbiamo fatto un terribile errore inviandovi nei Territori. La sopravvivenza morale e politica di Israele dipende dal vostro ritorno a casa”.

Solo quando ci sveglieremo al mattino con la consapevolezza che non ci sono più orrori indifendibili da mettere a tacere, non più giovani soldati inviati a compiere un incarico che li segnerà per tutta la vita, e non più donne palestinesi che perdono i loro bambini solo perché non riescono a giungere in tempo all’ospedale, noi saremo capaci di superare gli enormi problemi interni alla nostra società.

La psiche israeliana ha bisogno di essere liberata dal fardello insostenibile della colpa, se veramente vogliamo ritrovare la nostra capacità di superare le avversità, e la convinzione che abbiamo il diritto di vivere in questa terra. Solo allora sarà liberata anche la creatività e l’intraprendenza che riconosciamo nella gestione degli affari di Israele, nella ricerca e nello sviluppo, nel fiorire della scena artistica, al fine di creare quella società che tutti noi desideriamo.

Carlo Strenger, filosofo e psicanalista, insegna presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Tel Aviv; è membro del comitato permanente di monitoraggio sul terrorismo della World Federation of Scientists

martedì 11 ottobre 2011

gilad shalit

da ieri, il giorno in cui è stato annunciato il ritorno del soldato ghilad shanit, dopo cinque anni di prigionia in totale isolamento ,senza essere mai stato visto da nessuno , neanche dalla croce rossa, e in cambio di 1027 prigionieri palestinesi , sento il bisogno di un pò di silenzio.
da ieri, da quando hanno improvvisamente interrotto le trasmissioni radiofoniche e televisive per annunciarlo , l'aria si è riempita di parole, parole inutili , parole a vuoto, parole per riempire il vuoto. e continuano a parlare parlare parlare.
tra una settimana ci sarà o poco più il suo ritorno a casa.
una delle condizioni dello scambio era che stesse relativamente bene.
speriamo che in effetti sia così.

lunedì 10 ottobre 2011

bella notizia

e a proposito di a cosa serve l'internet

(ANSA) - GAZA, 10 OTT - Desta grande compiacimento fra i
blogger indipendenti di Gaza il premio giornalistico giunto in
questi giorni dalla Fondazione Anna Lindh alla loro collega Asma
al-Ghoul (30), che da anni porta avanti una campagna per la
liberta' di espressione malgrado le limitazioni imposte da
Hamas.
Asma - una donna divorziata, madre di un figlio di sei anni -
fa sentire la sua voce sia mediante un blog molto seguito
(AsmaGaza) che con interventi su svariati mezzi di comunicazione
fra cui il giornale palestinese al-Ayam e il giornale arabo
internazionale al-Hayat.
Fra i suoi compagni di Gaza (che alcuni mesi fa hanno
pubblicato un coraggioso manifesto per la liberta' di
espressione), Asma ha fama di donna tenace, malgrado in passato
abbia subito percosse e minacce da parte dei servizi di
sicurezza di Hamas e sia stata ripetutamente fermata.
Insofferente delle pressioni sociali, Asma mantiene inoltre
la abitudine di indossare abbigliamenti di stile occidentale:
cosa che, secondo i suoi compagni, le attira continui rimproveri
da parte di agenti di polizia e dei passanti.
Il premio Anna Lindh e' stato conferito quest'anno a sei
giornalisti, fra cui un altro esponente della 'primavera araba':
lo scrittore egiziano Mohammed al-Dahshan. (ANSA).

40 gradi all'ombra e legge bavaglio

caldo caldo caldo, quanto fa caldo.
e che sole e che mare.
sabato è stato il giorno di kippur che sempre mi stupisce ed incanta per il silenzio assoluto e la totale assenza di macchine. ed è una assenza volontaria, non c'è legge che obblighi questo popolo bizzarro disordinato e indisciplinato a tenere tutti i negozi chiusi e a non spostare la macchina.
eppure.
ieri invece mi hanno chiamata dalla tivù israeliana per spiegare cos'è la la italica legge bavaglio .
me la son studiata per bene , ma ha degli aspetti un pò strani e persino misteriosi , come se chi l'avesse scritta non capisse granchè di come funziona l'internet .
o mi sbaglio????

mercoledì 5 ottobre 2011

un articolo di tobia zevi

Secondo una recente indagine di J-street lo Stato d’Israele è al settimo posto tra le preoccupazioni degli ebrei americani; il rapporto curato dalla nostra associazione, “Cittadini del mondo, un po’ preoccupati” (a cura di Saul Meghnagi, Giuntina) descrive un quadro simile tra i giovani ebrei italiani: il rapporto con Israele è certamente molto stretto, ma sul piano delle prospettive i giovani sembrano avere altre priorità. La settimana scorsa Gadi Luzzatto Voghera ha ribadito un concetto che abbiamo spesso sostenuto su queste colonne: l’argomento “Israele” viene usato da molti leader ebrei per conquistare un consenso all’interno delle comunità, con la conseguenza negativa di dividere in fazioni contrapposte. Certo, non tutti gli ebrei la pensano allo stesso modo sulle scelte politiche d’Israele, e del resto sarebbe strano se ci fosse una Diaspora monolitica di fronte alla grande varietà di posizioni della società israeliana. Tutti gli ebrei sono legatissimi allo stato d’Israele e temono per la sua sopravvivenza; al tempo stesso divergono su quali siano le misure più utili a garantirne la sicurezza. Sbaglia chi demonizza o insulta chi la pensa diversamente, non solo perché si mostra incivile ma soprattutto perché quest’atteggiamento non è utile.
Come spesso ripetono i nostri rabbini, sono altri i problemi veri delle nostre comunità, e l’esito del conflitto mediorientale non dipende in alcun modo da noi. Alla vigilia di Kippur la mia proposta è questa: per ogni discussione o articolo su Israele, ognuno di noi si impegna a prendere una lezione di ebraico. Così, tanto per sapere di che cosa stiamo parlando e sprecare un po’ meno fiato.

Tobia Zevi, Associazione Hans Jonas

martedì 4 ottobre 2011

l'incendio della moschea

E’ cominciato tutto una decina di giorni fa nei pressi di Kiryat Arba, quando Asher Palmer, 25 anni, è stato ucciso mentre viaggiava in auto con il figlio Yehonathan di 1 anno. La polizia, dopo aver analizzato la dinamica dell’incidente, ha concluso che l’incidente è stato causato dalle numerose pietre lanciate contro l’auto in corsa. Non solo, ma che quelle pietre erano state lanciate con il chiaro intento di uccidere. Insomma, per la polizia si è trattato di un chiaro attacco di tipo terroristico.

Due giorni fa, la morte di Asher Palmer e di suo figlio è stata vendicata. Coloni israeliani del nord della Galilea hanno dato alle fiamme la moschea del villaggio di Tuba Zanghaiyya, nei pressi dell’insediamento israeliano di Rosha Pina.

E’ la prima volta che un episodio simile di verifica in territorio israeliano, e la preoccupazione, a tutti i livelli, è molto alta; l’effetto-domino per molti è dietro la porta. La preoccupazione è alta a tutti i livelli, non a caso il presidente Shimon Peres, subito dopo la notizia dell’incendio, si è recato nel villaggio di Tuba-Zanghaiyya a visitare la moschea.

Sui muri, la firma inconfondibile degli autori,” Il prezzo da pagare”, è stata immediatamente cancellata dalla polizia israeliana. Una mano di vernice tuttavia non può cancellare la rabbia e il desiderio di vendetta per lo sfregio subito. Già ieri infatti, si sono verificati violenti scontri fra la polizia israeliana e centinaia di giovani abitanti del villaggio di Tuba-Zanghaiyya decisi a dirigersi a Rosha Pina. Le forze di polizia hanno cercato di fermare i manifestanti, e al lancio di sassi e pietre si sono alternate alcune raffiche di mitra.

Un ufficiale della polizia israeliana parlando sotto stretto anonimato con il giornalista de “Il fatto”, ha espresso preoccupazione per il pericolo di escalation della violenza fra coloni e beduini israeliani: “Se diamo la possibilità a questi estremisti messianici ebrei di provocare gli arabi beduini e palestinesi che risiedono qui in Israele, la tensione tra i vari gruppi etnici potrebbe esplodere violentemente e mettere in pericolo la sicurezza di tutta Israele”.
da"mosaico"

ebreo senza religione

Ebreo, ma senza religione. O meglio ancora, ebreo, israeliano e senza nessuna religione.

Yoram Kaniuk, classe 1920, veterano della guerra del 1948, scrittore sionista, autore di 30 libri tradotti in tutto il mondo, è stato riconosciuto ufficialmente come “senza religione”. E questa nuova identità è frutto di una battaglia che ha avuto un esito di portata indiscutibilmente storica per lo Stato di Israele.

Gideon Ginat, giudice del Tribunale di Tel Aviv, ha infatti accolto la richiesta dello scrittore di essere iscritto nel Registro della Popolazione come “senza religione”.
“La libertà dalla religione è una libertà che deriva dal diritto alla dignità dell’uomo e tale libertà è tutelata dalla Legge Fondamentale sulla Dignità umana e la Libertà dello Stato di Israele” ha osservato il giudice.
“Con questa decisione viene garantita a tutti la libertà di vivere secondo la propria coscienza. Dignità umana e libertà significano possibilità per ogni individuo di auto-determinare la propria identità e definizione. In questo modo io posso essere senza religione ma ebreo per nazionalità. Sono molto emozionato”, ha dichiarato Kaniuk al quotidiano Haaretz.

Lo scorso maggio, Kaniuk aveva fatto richiesta al Ministero degli Interni di “liberarsi” dalla religione ebraica cambiando il proprio status religioso da “ebreo” a “senza religione”. Allora il Ministero rifiutò la richiesta.
Nella domanda al Ministero, Kaniuk spiegava che non intendeva far parte di un “Iran ebraico” né appartenere a quella che oggi viene definita la “religione di Israele”.

L’insofferenza di Kaniuk – e la conseguente domanda di modifica del proprio status religioso – è nata, ha detto, “dal crescente disgusto per il modo in cui il mondo religioso rifiuta i principi inscritti nella dichiarazione di Indipendenza di Israele”.
Al di là dei motivi di Kaniuk, sarà interessante vedere se e come si svilupperà il dibattito in Israele e altrove su questa storica decisione. Soprattutto se e come potrà costituire un precedente.
( da Mosaico)

domenica 2 ottobre 2011

era...

avvolto in un taled, lo scialle rituale, un minuscolo fagottino.l'hanno sepolto e coperto di terra a palate.
quanti discorsi, quante parole. quante cretinate diceva la gente.
io avrei preferito il silenzio.
tanto cosa c'è da dire?
aveva nove mesi.

primo giorno dell'anno

e sto amdando al funerale di un bambino morto di distrofia muscolare a otto forse nove mesi.
è il nipotino dei miei cognati.
non so mai stata al funerale di un neonato . quindici giorni fa l'avevo visto e non riusciva più neanche a piangere.

mercoledì 28 settembre 2011

non è che sto battendo la fiacca...

bè , forse anche un pò. è che qui tra una cosa e l'altra , c'è sempre troppo da fare.
metti ieri, per esempio.
ieri ho cucinato per rosh ha shanà
ho fatto
agnello arrosto
3 polli ripieni
patè di fegato
gnocchi
spezzatino
dolce
reghel krushà ( chi non sa che cos'è pazienza)
pesto
salsa di pomodoro
marmellata di fichi
al mercato c'era aria di festa e tutti si facevano gli auguri di buon anno e il giornale yediot aharonot ci fa sapere che secondo la loro ultima inchiesta, l'88% degli israeliani è felice di esserlo e soddisfatto della propria vita.
siamo una terra di matti.
o come mio padre avrebbe detto "se non son matti non li vogliamo"
e buon anno a tutti
שנה טובה

giovedì 22 settembre 2011

che giornata

.. quella di ieri. attaccata alla tivù che ha trasmesso in diretta il discorso di Obama e l'incontro Bibi-Obama in cui le parole contraddicevano il linguaggio che i loro corpi, uno accanto all'altro eppure lontani millemiglia l'uno dall'altro, trasmettevano.
ore poco felici.
lascio parlare Thomas Friedman.la sua preoccupazione è genuina .
quanto a me, non sono venuta a vivere qui per trovarmi alla fine in una specie di ghetto volontario . non di tutto abbiamo colpa, per carità, ma bibi e la zarina sara , sua moglie ( non la nomino per caso , la sua influenza su Bibi non è da poco) sono una vera e propria calamità per questo paese.

Repubblica, 20.9.11
Israele è in pericolo se si isola dal mondo
di Thomas L. Friedman

NON sono mai stato tanto preoccupato per il futuro di Israele. Lo sgretolamento dei pilastri della sicurezza di Israele - la pace con l´Egitto, la stabilità della Siria e l´amicizia con Turchia e Giordania - abbinato al governo più inetto dal punto di vista diplomatico e più incompetente dal punto di vista strategico della sua storia hanno messo lo Stato ebraico in una situazione pericolosissima.
Il governo americano è stufo marcio di questi leader israeliani, ma è ostaggio della sua inettitudine, perché in un anno di elezioni la potente lobby filoisraeliana può costringere la Casa Bianca a difendere lo Stato ebraico all´Onu anche quando sa che il governo di Tel Aviv sta portando avanti politiche che non sono né nel suo interesse né nell´interesse degli Stati Uniti.
Israele non è responsabile del rovesciamento del presidente egiziano Hosni Mubarak o delle rivolte in Siria, o della decisione della Turchia di cercare di ritagliarsi un ruolo guida a livello regionale scagliandosi cinicamente contro Israele per aver spaccato il movimento nazionale palestinese fra Gaza e Cisgiordania. Quello di cui il primo ministro israeliano Bibi Netanyahu è responsabile è di non aver messo in campo, in risposta a tutte queste trasformazioni, una strategia in grado di difendere gli interessi di Israele sul lungo periodo.
Anzi no, una strategia Netanyahu ce l´ha: non fare nulla, rispetto ai palestinesi o rispetto alla Turchia, che lo costringa ad andare contro la sua base, a scendere a compromessi con le sue idee o a inimicarsi il suo principale partner di coalizione, l´estremista di destra Avigdor Lieberman, che ricopre l´incarico di ministro degli Esteri. Dopo di che, chiedere aiuto agli Stati Uniti per bloccare il programma nucleare iraniano e per farsi tirar fuori da pasticci di ogni genere, ma fare in modo che il presidente Barack Obama non possa chiedere nulla in cambio mobilitando i Repubblicani al Congresso per mettergli i bastoni fra le ruote e incoraggiando i principali esponenti della comunità ebraica a insinuare che Obama è ostile a Israele e sta perdendo i voti degli ebrei. Ecco qua: non si può certo dire che Netanyahu non abbia una strategia.
«Anni di sforzi diplomatici per far accettare Israele in Medio Oriente sono crollati in una settimana con l´espulsione degli ambasciatori dello Stato ebraico da Ankara e dal Cairo, e con la frettolosa evacuazione del personale dell´ambasciata da Amman», ha scritto Aluf Benn sul quotidiano israeliano Haaretz. «La regione sta rigettando lo Stato ebraico, che si rinchiude sempre di più dietro mura fortificate, sotto la guida di una leadership che rifiuta qualsiasi cambiamento, movimento o riforma […] Netanyahu ha dato prova di una passività totale di fronte ai drammatici cambiamenti avvenuti nella regione e ha consentito ai suoi rivali di prendere l´iniziativa e fissare l´agenda».
Che cosa avrebbe potuto fare Israele? L´Autorità Palestinese, che negli ultimi cinque anni ha fatto grandi passi avanti nella costruzione delle istituzioni e delle forze di sicurezza di uno Stato in Cisgiordania, alla fine si è detta: «I nostri sforzi per costruire lo Stato non hanno indotto Israele a fermare gli insediamenti o a impegnarsi per giungere alla separazione dei Territori Occupati, perciò in pratica non stiamo facendo altro che sostenere l´occupazione israeliana. Andiamo alle Nazioni Unite, facciamoci riconoscere come Stato all´interno dei confini del 1967 e combattiamo Israele in questo modo». Una volta resosi conto della situazione, Israele avrebbe dovuto proporre un suo piano di pace o cercare di influenzare la diplomazia dell´Onu con una risoluzione che riaffermasse il diritto sia del popolo palestinese che di quello ebraico di avere uno Stato all´interno dei confini storici della Palestina, e facendo ripartire i negoziati.
Netanyahu non fatto nessuna delle due cose e ora gli Stati Uniti si stanno barcamenando per disinnescare la crisi, per non essere costretti a opporre un veto alla proposta di creare lo Stato palestinese, una mossa che potrebbe rivelarsi disastrosa in un mondo arabo che marcia sempre più verso l´autogoverno popolare.
Quanto alla Turchia, la squadra di Obama e gli avvocati di Netanyahu in questi ultimi due mesi hanno lavorato instancabilmente per risolvere la crisi nata dall´uccisione di civili turchi da parte di agenti delle forze speciali israeliane nel maggio del 2010, quando la flottiglia turca cercava in tutti i modi di sbarcare a Gaza per portare aiuti alla popolazione. La Turchia pretendeva scuse ufficiali. Poi però Bibi ha smentito i suoi stessi avvocati e ha respinto l´accordo, per orgoglio nazionale e per paura che Lieberman lo usasse contro di lui. Risultato: la Turchia ha espulso l´ambasciatore israeliano.
Quanto all´Egitto, la stabilità lì ormai è un ricordo e qualunque nuovo Governo al Cairo dovrà fare i conti con pressioni populiste antisraeliane più forti che mai. Tutto questo in parte è inevitabile, ma perché non mettere in campo una strategia per minimizzare il problema proponendo un vero piano di pace?
Ho grande simpatia per il dilemma strategico di Israele e non mi faccio nessuna illusione sui suoi nemici. Ma Israele oggi non offre ai suoi amici - e Obama è fra loro - nessun elemento per difenderlo. Israele può scegliere di combattere contro tutti oppure può scegliere di non arrendersi e attutire il colpo ricevuto con un´apertura, sul fronte delle trattative di pace, che gli osservatori equilibrati possano considerare seria, in modo da limitare il suo isolamento.
Purtroppo oggi Israele non può contare su un leader o su un esecutivo capace di simili sottigliezze diplomatiche. Non resta che sperare che gli israeliani se ne rendano conto prima che questo Governo precipiti ancora di più lo Stato ebraico nell´isolamento, trascinandosi dietro l´America.
Traduzione di Fabio Galimberti

lunedì 12 settembre 2011

sgridata..

ho fatto venire l'ansia anche a mia sorella eva (e a molti altri).
eva chiede che racconti che poi questa mattina sono uscita, sono andata al mercato , (il shuk hacarmel), ho comprato susine e pomodori per fare la pummarola e la marmellata col mio nuovissimo e splendido bimby , e per finire mi son fatta fare un foot massage tailandese che mi ha lasciata FELICEMENTE riposata e rilassata.
insomma, poi trovo sempre il modo di andare avanti e star meglio. e adesso mi son messa a lavorare.
eva, stai tranquilla.
ogni giorno è un miracolo.

SVEGLIARSI LA MATTINA

mi ero dimenticata questa sensazione di angoscia diffusa che mi prende la mattina quando mi sveglio a Tel Aviv .
quando sto via a lungo me la dimentico e torno a preoccuparmi dei problemi italiani.
che mi sembrano così insignificanti quando torno qui.
non è per me che mi preoccupo , io ho già vissuto. ne ho già avuto abbastanza.
mi preoccupo per i figli, per i nipoti. per l'ultima nata che ha appena sei mesi e non so dove Michal ( speriamo che non legga il blog..) abbia trovato il coraggio di metterla al mondo.
MI sveglio la mattina e leggo haaretz e mi prende una gran tristezza: siamo sempre più isolati , ( vedi turchia, vedi egitto) e se già il mondo sta diventando pericoloso e senza sicurezze per tutti ,qui potrebbe diventare una trappola mortale,e la gente comincia a dirlo a voce alta.( fino a poco tempo fa era un pensiero che veniva tenuto ben nascosto nell'inconscio collettivo)
e poi siamo in mano a dei politici veramente indecenti, inabili, con una moglie di Primo Ministro ( sara netanyau) nota per le sue crisi isteriche , per i suoi maltrattamenti nei confronti delle collaboratrici domestiche , e per intromettersi negli affari di stato, con un bullo come ministro degli esteri , un ehud barak come ministro della DIFESA .
è un brutto momento. ci vorrebbe un miracolo.
non dovrei smettere di credere nei miracoli.

martedì 6 settembre 2011

e anche questo è successo d'agosto mentre facevo la nonna

(uscito sul sito di vanity fair)
Sono passate solo poche ore dal gravissimo attacco terroristico avvenuto nel cuore di Israele, nei pressi di Eilat, cittadina turistica sul Mar Rosso. Sono stati attaccati due autobus e una camionetta militare, sono esplose mine, razzi, cinture esplosive. Mentre sto scrivendo queste righe , a poca distanza dalla conferenza stampa del capo di stato maggiore e del Ministro della Difesa, è avvenuto un ennesimo atto terroristico ,con un ferito gravissimo.
Eilat , un simbolo israeliano, splendida spiaggia in questi giorni affollata da moltissime famiglie israeliane che vi arrivano da tutto il Paese per godersi le acque limpide e gli stupendi fondi marini, è stata circondata dalle forze di sicurezza dell’IDF. Il bilancio è pesante: sette morti, decine di feriti.Il Ministro della Difesa Barak, indicando Hamas come responsabile dell’attentato, ha subito dichiarato che le conseguenze saranno gravissime, e la risposta,già iniziata del resto, nei confronti di Gaza, pesantissima.
L’Egitto ha immediatamente dichiarato la sua estraneità all’attentato , e pare che durante gli scontri a fuoco abbia anche ucciso due dei terroristi.

Per il momento, in verità, nessuno può saper con certezza da dove sia partita la cellula terroristica, da dove vengano i suoi membri, chi siano esattamente; di certo erano ben attrezzati, armati, organizzati, esperti, preparati. Non si trattava certo di nulla d’improvvisato.
L’attentato ha lasciato sbalordito e disorientato l’intero Paese, che fino a poche ore fa non si occupava che delle proteste interne per il costo della vita (la mega dimostrazione organizzata per sabato sera è stata immediatamente annullata): il confine che Israele ha con l’Egitto è infatti molto più noto per il florido “business” beduino di contrabbando di droga e donne e passaggio di clandestini africani, che per problemi di sicurezza.
Eppure l’attentato non dovrebbe stupire nessuno, commentano gli analisti, specialmente nella nuova realtà egiziana del dopo Piazza Tahrir. Il terrorismo- dicono- continuerà. Ed è rivolto verso Israele, ma non meno contro lo stesso governo egiziano. Nel nord della Penisola del Sinai, infatti, e nell’Egitto tutto, oltre che a Gaza, è un pullulare di gruppi terroristici , ( se ne conoscono almeno una sessantina ma pare ce ne siano molti di più), tra cui El Kaida, gruppi palestinesi, e altri estremisti islamici.
Non c’è dubbio che dietro ai quattro attentati e alle conseguenti esplosioni al gasdotto che fornisce gas dall’Egitto ad Israele passando attraverso il Sinai ,avvenuti negli ultimi mesi , ci sia proprio uno di questi gruppi. E I sabotatori , tutte le quattro volte, sembrano aver agito indisturbati. Dopotutto , una delle accuse a Mubarak a Piazza Tahrir era stata proprio quella di aver venduto il gas ad Israele a un prezzo non abbastanza elevato.
Insomma , giorni difficili attendono Gerusalemme e il premier Nethanyau.
Per non parlare di Settembre e della possibile dichiarazione unilaterale d’Indipendenza dello Stato Palestinese.
A cui Israele si oppone.

sono tornata- in tutti i sensi

l'estate è stata lunga, faticosa ( con figli e nipoti e altri amici loro eravamo tra dieci e 14 tutti i giorni a pramzo e a cena) io ho lavorato, cucinato e pulito tanto, ma mi sono anche divertita e tutto sommato sono stata bene a fare la sguattera. ecco qui un articolo che è uscito durante l'estate( vanity fair) -



Tutto cominciò col “cottage”.
Il “cottage” è un formaggio fresco tipo yocca dall’inconfondibile scatola con la foto di una casetta nel verde, che un po' ricorda il kibbutz, un po' il sogno (per la gran parte degli israeliani neppur minimamente realizzabile, dato il costo dei terreni edificabili) di una casetta a schiera dove crescere in pace e tranquillità i propri figli.
La "tnuva" che lo produce, società cooperativa di proprietà dei kibuzim, è un altro simbolo del Paese, di tempi in cui si viveva con poco e di poco: “cottage” spalmato sul pane nero (in ebraico “lehem ahid”), più frutta e verdura di stagione, uova, pollo e poco più. E di “lebenia”, una specie di yogurt. Poco, ma se lo potevano permettere tutti, così come l’educazione, ottima e gratuita, e la sanità, ottima anche quella. I ricchi, allora, erano pochi. E le tasse sui prodotti di lusso, altissime.
Altri tempi. Il Paese è cambiato molto. La sua ricchezza è rimasta: creatività, lavoro, intelligenza. Ma sono arrivate anche le bistecche, e i sushi, e i viaggi all'estero, e i croissant al burro per la prima colazione. Ma, soprattutto, è arrivato il liberismo economico.
E persino la “tnuva” è stata venduta. L’ha comprata l'“Apax”, un gruppo internazionale d’investimenti. Che subito, per fare un rapido guadagno, ha aumentato il prezzo del latticino nazionale. Tanto, si dissero, gli israeliani non rinunceranno mai a comprare il loro amato formaggio fresco, da mangiare la mattina e la sera assieme all’insalata di pomodori e cetrioli tagliati fini, conditi con un goccio di limone, una spruzzata di mentuccia e un filo d'olio. Non si sbagliavano. Le vendite continuarono, anche se il prezzo dal 2007 al 2011 era aumentato di quasi l’80%. Dopotutto, si trattava di una perdita di pochi shekalim al mese, per l’israeliano medio. Niente di che.
Ma, come nelle migliori favole, tutto cambiò quando piazza Tahrir (insieme col sistema Facebook) approdò a Tel Aviv.

Andò così: un anonimo signore scrisse su Facebook che ne aveva abbastanza.
Che, a quel prezzo, il “cottage” non l’avrebbe più comprato.
150.000 cliccarono "I like" su Facebook, un milione smisero di acquistare “cottage”.
Le vendite scesero a picco. E le perdite sia per i supermarket sia per i produttori furono enormi, anche perché il formaggio fresco inacidisce rapidamente, questione di una settimana al massimo, specialmente d’estate.
La “tnuva”, visto il collasso, abbassò il prezzo, ma ormai la frittata era fatta. Il vento della protesta era partito.
Dopo, fu la volta della rivolta per il prezzo delle case (ce ne sono circa 50000 libere e vuote, comprate da ricchi cittadini stranieri, ebrei europei a Tel Aviv e Natanya, ebrei americani a Gerusalemme. Tutte nei luoghi migliori: a Tel Aviv vicino al mare, a Gerusalemme, con vista sulle mura di Sulemano il magnifico. Il Paese è piccolo e affollato, di terreni edificabili ce ne sono sempre meno, non è certo un caso che 300.000 israeliani, non tutti per ideologia, abbiano scelto di vivere nei territori, dove le case costano molto meno, ndr.)
Cominciò con una giovane e bella studentessa, molto intraprendente, che non facendocela più a pagare l’affitto, annunciò su Facebook che si sarebbe trasferita, in tenda, nel bel mezzo del costosissimo e chicchissimo viale Rothschild. Il successo dell’iniziativa fu immediato ed esplosivo. Oggi le tende su Rothschild sono 1.200 e non c'e più un buco libero per piantarci una “canadese” fino alla strada a nome del generale Allenby. Il municipio di Tel Aviv fornisce luce e pulizia gratis, e la tendopoli è diventata molto “in”, visitata dai “vip” e dalle persone comuni, quasi un nuovo centro della città. Tendopoli simili sono nate anche nelle periferie.
È, a pensarci, la stessa protesta degli altri giovani del mondo di ceto medio, dall'Egitto alla Spagna all’Inghilterra (forse un po’ più creativa perche' chiede l'impossibile , chiede che per la prima volta al mondo venga abbassato il prezzo del cibo e quindi della vita ) .
Sono giovani spaventati da un futuro incerto, di grandi ricchezze per pochi e borghesia al limite della povertà per molti, e poi povertà vera e propria per moltissimi.
Ogni settimana la protesta aumenta: da decine di migliaia, si è passati a 150.000, poi a 300.000 persone in piazza la terza settimana (in proporzione, è come se in Italia fossero usciti a protestare due milioni e mezzo di persone).
Il premier Netanyahu ha iniziato, finalmente, a temere seriamente per il suo fino ad allora placidissimo governo di centro-destra.

E intanto nella torrida estate mediorientale il dissenso continua: si moltiplicano i cortei contro il caro-vita, le marce di genitori con carrozzine per il futuro economico dei loro bambini, i sit-in alle pompe di benzina, gli scioperi della fame dei medici, le proteste degli assistenti sociali, tutti insieme in un grande “calderone” di malcontento.
“Strana rivolta" ho accennato a uno dei leader di questa estate di fuoco, il fotografo con il quale ho spesso lavorato Eyal Ofer, “lottate per il prezzo dei latticini e quello delle case, ma non per la vita dei nostri figli e per un futuro di pace. Che me ne faccio di una casa e di cibo a buon prezzo se non avrò un paese in cui vivere?”.
“È l’esatto contrario” ha risposto lui, “cercano di bloccare la nostra rivolta dicendo che siamo solo degli anarchici, degli estremisti. Ma noi vogliamo vivere. Prima bisogna avere di che vivere, e solo dopo si può imparare a vivere in pace con i propri vicini. E poi le dimostrazioni per la pace le abbiamo fatte, in passato, e non sono servite a nulla. E se questa protesta, del tutto apolitica, attraverso l'economia, ci portasse in nuove direzioni, mai provate fino a ora ? La rabbia e la delusione di un Paese, comunque, stanno lentamente uscendo allo scoperto, spero che la stessa cosa succeda anche per i palestinesi".

E, a proposito di palestinesi, i nostri vicini, prossimi alla dichiarazione dello loro futuro Stato, stanno seguendo con grandissima attenzione l'estate israeliana.
E si lamentano degli stessi problemi. Con altri numeri, però.
Con 140.000 dollari a Ramallah si può comprare un bell’appartamento di quattro vani in un’ottima zona.
A Tel Aviv, non ci si compra proprio niente.
Non che questo voglia dire che a Ramallah si sta meglio. Per carità.

venerdì 5 agosto 2011

Sempre lo stesso medico

Rispondo a vari commenti che mi sono arrivati a proposito del medico : la michal non si e' granche' sconvolta perche' l' antisemitismo e' una realta' che lei ( grazie a Dio) non conosce proprio e non sente , essendo nata e cresciuta tra ebrei in un paese di maggioranza ebraica.
E neanch'io , a dir la verita' , la sapevo quella delle orecchie ( da mercante????) chissa' quante volte l' hanno detto alle mie spalle senza che io lo sapessi . Invecchiando mi sono anche cresciute. Mannaggia.

mercoledì 3 agosto 2011

Uno strano medico

Per mia figlia , che aveva portato la sua ultima nata dal medico ( 5 mesi , un po' di febbre) , la reazione del medico , al mare, in italia, e ' stata piu' che altro divertente , quasi comica. Lui , guardando per bene Michal , le ha detto ( dopo che gli avevamo spiegato che venivamo da tel aviv)che aveva proprio un tipico naso e tipicche orecchie d ebrea.
Quella del naso la sapevo, ha detto lei molto divertita, ma quella delle orecchie no.

lunedì 1 agosto 2011

Al mare

Ed eccomi qui al mare con quattro nipoti e una figlia, in italia , in questo strano luglio italiano molto fresco , cosi' lontana dalla rivolta del cottage cheese a tel aviv e a gerusalemme , che si sta espandendo di giorno in giorno mentre Bibi il nostro solito pavido Primo Ministro sta iniziando a provarci ad abbassare i prezzi ( del formaggio , della benzina, dei pannolini, scenderanno anche i prezzi delle case a Tel Aviv? )
Speriamo che la rivolta vada anche in altre direzioni... Altrimenti che ce ne facciamo del cottage cheese a buon prezzo in un paese senza pace e senza futuro?

martedì 12 luglio 2011

e si parte di nuovo..

questa volta per un mese e mezzo. moltissimo.
parto con solo due trolley perchè come si fa a salire e ascendere dai treni con i valigioni?
impossibile .
parto alle 7 e 30, ma bisogna essere in aereoporto alle 5 , il taxi arriva alle 04:45 e non vale più la pena di andare a dormire.
così domani crollerò dalla stanchezza , ma avrò lunghe ore di treno da godermi, e arriverò un fiore.
A Virgoletta!!!

venerdì 8 luglio 2011

totò e macario

finalmente , anche a tel aviv, sono riuscita a vedere il terzo canale italiano e il mio adorato Totò , questa volta in un filmn in costume con Macario ( proprietario di un barboncino ladro di polli)
più gli anni passano più me lo godo , il grande Totò, e mi faccio , tutta sola in casa, mentre sto cucinando per il sabato, grandi, sgangherate risate che sono quasi un pianto , pensando a quell'italia che non c'è più e ricordando mio padre che al mare, a Jesolo, mi chiamava ogni volta che c'era un film di Totò ( torna tutte le estati) e si godeva a sentirmi ridere come una matta davanti alla TIVù
E stasera di nuovo ospiti e domani figli e nipoti....

mercoledì 6 luglio 2011

luglio a tel aviv, e la cane-sitter

a luglio a tel aviv fa sempreeee caldo , l'aria condizionata si accende la mattina e si spegne la sera , e l'ideale, appena si ha un momento libero, sarebbe scendere in spiaggia.
che era la mia idea, stamattina. Ma alle nove il mio vicino di casa , rimasto fuori di casa senza le chiavi, mi ha portato il suo cagnolino da tenere per un'oretta , per favore perchè doveva correre a far qualcosa di urgente.
e il povero snowy è ancora qui, a godersi il fresco!
e io, invece di fare le centomila cose che dovevo fare ( mare compreso, magari per una mezzoretta) , sono ancora qui a fare la dog sitter( che però è più facile che babisitterare i nipoti...)

domenica 12 giugno 2011

appello dei giovani di gaza

grazie a Vittorio Viterbo per avermi fatto scoprire questo straordinario documento.


Manifesto GYBO (Gaza youth breaks out). Appello disperato dei giovani di Gaza
pubblicata da Madre terra fratello clandestino il giorno martedì 26 aprile 2011 alle ore 17.52

Vaffanculo Hamas. Vaffanculo Israele. Vaffanculo Fatah. Vaffanculo ONU. Vaffanculo UNWRA. Vaffanculo USA! Noi, i giovani di Gaza, siamo stufi di Israele, di Hamas, dell'occupazione, delle violazioni dei diritti umani e dell'indifferenza della comunità internazionale!



Vogliamo urlare per rompere il muro di silenzio, ingiustizia e indifferenza, come gli F16 israeliani rompono il muro del suono; vogliamo urlare con tutta la forza delle nostre anime per sfogare l'immensa frustrazione che ci consuma per la situazione del cazzo in cui viviamo; siamo come pidocchi stretti tra due unghie, viviamo un incubo dentro un incubo, dove non c'è spazio né per la speranza né per la libertà.



Ci siamo rotti i coglioni di rimanere imbrigliati in questa guerra politica; ci siamo rotti i coglioni delle notti nere come il carbone con gli aerei che sorvolano le nostre case; siamo stomacati dall'uccisione di contadini innocenti nella buffer zone, colpevoli solo di stare lavorando le loro terre; ci siamo rotti i coglioni degli uomini barbuti che se ne vanno in giro con le loro armi abusando del loro potere, picchiando o incarcerando i giovani colpevoli solo di manifestare per ciò in cui credono; ci siamo rotti i coglioni del muro della vergogna che ci separa dal resto del nostro Paese tenendoci ingabbiati in un pezzo di terra grande quanto un francobollo; e ci siamo rotti i coglioni di chi ci dipinge come terroristi, fanatici fatti in casa con le bombe in tasca e il maligno negli occhi; abbiamo le palle piene dell'indifferenza da parte della comunità internazionale, i cosiddetti esperti in esprimere sconcerto e stilare risoluzioni, ma codardi nel mettere in pratica qualsiasi cosa su cui si trovino d'accordo; ci siamo rotti i coglioni di vivere una vita di merda, imprigionati dagli israeliani, picchiati da Hamas e completamente ignorati dal resto del mondo.



C'è una rivoluzione che cresce dentro di noi, un'immensa insoddisfazione e frustrazione che ci distruggerà a meno che non troviamo un modo per canalizzare questa energia in qualcosa che possa sfidare lo status quo e ridarci la speranza. La goccia che ha fatto traboccare il vaso facendo tremare i nostri cuori per la frustrazione e la disperazione è stata quando il 30 Novembre gli uomini di Hamas sono intervenuti allo Sharek Youth Forum, un'organizzazione di giovani molto seguita con fucili, menzogne e violenza, buttando tutti i volontari fuori incarcerandone alcuni, e proibendo allo Sharek di continuare a lavorare.



Alcuni giorni dopo, alcuni dimostranti davanti alla sede dello Sharek sono stati picchiati, altri incarcerati. Stiamo davvero vivendo un incubo dentro un incubo. E' difficile trovare le parole per descrivere le pressioni a cui siamo sottoposti. Siamo sopravvissuti a malapena all'Operazione Piombo Fuso, in cui Israele ci ha bombardati di brutto con molta efficacia, distruggendo migliaia di case e ancora più persone e sogni. Non si sono sbarazzati di Hamas, come speravano, ma ci hanno spaventati a morte per sempre, facendoci tutti ammalare di sindromi post-traumatiche visto che non avevamo nessuno posto dove rifugiarci.



Siamo giovani dai cuori pesanti. Ci portiamo dentro una pesantezza così immensa che rende difficile anche solo godersi un tramonto. Come possiamo godere di un tramonto quando le nuvole dipingono l'orizzonte di nero e orribili ricordi del passato riaffiorano alla mente ogni volta che chiudiamo gli occhi? Sorridiamo per nascondere il dolore. Ridiamo per dimenticare la guerra. Teniamo alta la speranza per evitare di suicidarci qui e adesso. Durante la guerra abbiamo avuto la netta sensazione che Israele voglia cancellarci dalla faccia della Terra. Negli ultimi anni Hamas ha fatto di tutto per controllare i nostri pensieri, comportamenti e aspirazioni. Siamo una generazione di giovani abituati ad affrontare i missili, a portare a termine la missione impossibile di vivere una vita normale e sana, a malapena tollerata da una enorme organizzazione che ha diffuso nella nostra società un cancro maligno, causando la distruzione e la morte di ogni cellula vivente, di ogni pensiero e sogno che si trovasse sulla sua strada, oltre che la paralisi della gente a causa del suo regime di terrore.



Per non parlare della prigione in cui viviamo, una prigione giustificata e sostenuta da un paese cosiddetto democratico. La storia si ripete nel modo più crudele e non frega niente a nessuno. Abbiamo paura. Qui a Gaza abbiamo paura di essere incarcerati, picchiati, torturati, bombardati, uccisi. Abbiamo paura di vivere, perché dobbiamo soppesare con cautela ogni piccolo passo che facciamo, viviamo tra proibizioni di ogni tipo, non possiamo muoverci come vogliamo, né dire ciò che vogliamo, né fare ciò che vogliamo, a volte non possiamo neanche pensare ciò che vogliamo perché l'occupazione ci ha occupato il cervello e il cuore in modo così orribile che fa male e ci fa venire voglia di piangere lacrime infinite di frustrazione e rabbia! Non vogliamo odiare, non vogliamo sentire questi sentimenti, non vogliamo più essere vittime.



BASTA! Basta dolore, basta lacrime, basta sofferenza, basta controllo, proibizioni, giustificazioni ingiuste, terrore, torture, scuse, bombardamenti, notti insonni, civili morti, ricordi neri, futuro orribile, presente che ti spezza il cuore, politica perversa, politici fanatici, stronzate religiose, basta incarcerazioni! DICIAMO BASTA! Questo non è il futuro che vogliamo!



Vogliamo tre cose. Vogliamo essere liberi. Vogliamo poter vivere una vita normale. Vogliamo la pace. E' chiedere troppo? Siamo un movimento per la pace fatto dai giovani di Gaza e da chiunque altro li voglia sostenere e non si darà pace finché la verità su Gaza non venga fuori e tutti ne siano a conoscenza, in modo tale che il silenzio-assenso e l'indifferenza urlata non siano più accettabili.



Questo è il manifesto dei giovani di Gaza per il cambiamento! Inizieremo con la distruzione dell'occupazione che ci circonda, ci libereremo da questo carcere mentale per riguadagnarci la nostra dignità e il rispetto di noi stessi. Andremo avanti a testa alta anche quando ci opporranno resistenza. Lavoreremo giorno e notte per cambiare le miserabili condizioni di vita in cui viviamo. Costruiremo sogni dove incontreremo muri. Speriamo solo che tu - sì, proprio tu che adesso stai leggendo questo manifesto!- ci supporterai.



Per sapere come, per favore lasciate un messaggio o contattaci direttamente a freegazayouth@hotmail.com.



Vogliamo essere liberi, vogliamo vivere, vogliamo la pace. LIBERTA' PER I GIOVANI DI GAZA!



http://www.facebook.com/l/eff4dJ1yCDj2sBsGBhykXvX72lw/guerrillaradio.iobloggo.com/2017/il-manifesto-gybo-dei-giovani-di-gaza



Gruppo Facebook GYBO: http://www.facebook.com/pages/Gaza-youth-breaks-out-%D8%B4%D8%A8%D8%A7%D8%A8-%D8%BA%D8%B2%D8%A9-%D9%84%D9%84%D8%AA%D8%BA%D9%8A%D9%8A%D8%B1/178910458815800
Il Manifesto GYBO dei giovani di Gazaguerrillaradio.iobloggo.com
Si ripercuote e si propaga alla velocità di 4 Megabit al secondo nell’unico spazio di Gaza non ancora assediato, nel web, il cyber-urlo di rabbia di una generazione di giovani palestinesi oppressa da un nemico esterno e soffoc...

sabato 11 giugno 2011

tre del mattino

e non riesco ad addormentarmi... forse ho dormito troppo di sabato.
nel post di alcuni giorni fa qualcuno mi chiedeva se la mia angoscia dipendesse proprio da israele e non avesse altre ragioni.
in tutta sincerità devo rispondere che non riesco a dividere le mie angosce personali da quelle, come dire, nazionali, o persino universali,sono troppo legate l'una all'altra, quasi indivisibili.
la persona che commentava (e vive come me in Israele) sctriveva che questo Paese è dinamico e bellissimo , e lo è .
Che Tel Aviv lo è ancora di più.
e lo è.
che è ottimista.
E lo è.
Ma l'ottimismo israeliano non è ottimismo, è qualcos'altro , è vivere il momento.
siamo un Paese che sprizza energia , ma siamo siamo anche un paese di gente agressiva , a volte paranoica.
questo è quello che mi viene di dire alle tre ( e sette minuti) di mattina.

mercoledì 8 giugno 2011

dal fatto quotidiano

il Fatto 8.6.11
“Netanyahu e Barak, i piromani della pace”
L’attivista e scrittrice Manuela Dviri racconta la strategia incendiaria del duo di governo a Gerusalemme
di Roberta Zunini

Manuela Dviri vive a Tel Aviv, una città bifronte dove sul lungomare impazza la movida e nel centro le strategie militari. Nella capitale amministrativa israeliana sorge il quartier generale della Difesa. Qui vengono prese decisioni che si traducono in comandi per l’esercito. Nella stessa città dove vive il ministro della Difesa, Ehud Barak, la scrittrice italo-israeliana porta avanti la sua battaglia per aiutare i bambini palestinesi che non possono essere curati in Cisgiordania, facendoli ricoverare in ospedali israleiani. Il suo progetto “saving children” va avanti anche grazie alle tante donazioni fatte in Italia. Dviri che ha perso un figlio 26enne durante la guerra libanese, è stato una delle attiviste per l’uscita di Israele dal Libano.
“CI DICEVANO che con il nostro impegno minacciavamo la sicurezza del nostro paese, ma non è stato così. Dopo il ritiro dal Libano la situazione non è peggiorata”. Ciò che sta mettendo in pericolo Israele invece è l’atteggiamento cinico del premier Netanyahu e del ministro della difesa Barak. “Come ha denunciato pubblicamente l’ex direttore del Mossad, il generale Meir Dagan, entrambi sono pericolosi, una coppia di piromani che attraverso il cinismo e la spregiudicatezza stanno portando Israele verso una strada senza uscita”. Secondo l’ex direttore dei servizi israeliani, Israele rischia di precipitare in una guerra con l’Iran per il carrierismo di Bibi e la visione militarecentrica di Barak.“Sono d’accordo con Dagan, che non è certo uno stinco di santo. Se proprio lui ha sentito la necessità di rivelare le sue paure a proposito delle prese di posizione della leadership israeliana, significa che è arrivato il momento di cambiare rotta”. Quali sono i principali ostacoli da rimuovere? “Di ostacoli ce ne sono molti ma il vero problema è l’indifferenza degli israeliani. La gente mediamente sta bene e preferisce pensare ad altro, per questo ha aderito al comportamento imbelle di Netanyahu che vuole mantenere il più a lungo possibile lo status quo. In ebraico c’è un proverbio che dice: ‘vuole mangiare il dolce e lasciarlo intero’. Ecco il premier agisce proprio così”.
A sentire la Dviri è arrivato il momento di rischiare perché comunque le cose non possono rimanere così “Persino i coloni in Cisgiordania si stanno rendendo conto che a partire da settembre, quando i palestinesi dichiareranno unilateralmente la nascita della Palestina, qualcosa inizierà a cambiare. L’altro giorno sono stata a un funerale in una colonia in Cisgiordania e alla mia domanda sul perché il cimitero fosse così piccolo, ho avuto questa risposta: perché quando ce ne andremo non vogliamo lasciare qui i nostri morti”.
La villa nella giungla (come un’espressione, spesso usata da Barak, definisce Israele rispetto al Medio Oriente, ndr) sarà comunque spazzata dal vento della primavera araba.

martedì 7 giugno 2011

tutti mi sgridano

.. perchè scrivo poco nel blog e un pò batto la fiacca, ma la realtà è che devo fare troppe cose
a) ospitare figli e nipoti tutti i fine settimana a pranzo o a cena o entrambi , è bellissimo , mi piace, ma è faticoso
b) babysitterare l'ultima nata, Maia , la cui madre è tornata più o meno a lavorare e quando deve andare in tribunale me la porta ..
3) lavorare per "saving children" che ha bisogno assoluto di fondi che sto cercando affannosamente
4) scrivere
5) andare a virgoletta !!!!!!!!!!!!!
6) ospitare amici a virgoletta
7) lavorare per wallingo, il progetto di arte povera che stiamo mandando avanti la mia amica aliza ed io.
no, non mi faccio pena, sono una donna fortunata.

solo che oltre a questo , continuo a vivere nell'angoscia di questo paese che vive sull'orlo del baratro come se fosse cosa normale ... e non riesco ad accettarlo.
a volte, a forza di pensarci, la notte non riesco ad addormentarmi. e ho paura di scriverne perchè l'angoscia trasformata in parole fa ancora più paura.

lunedì 30 maggio 2011

di nuovo qui

e rieccomi qui, dopo una giornata passata al computer ( dalle 9 stamattina fino a questa sera alle 19 , cioè adesso).
ho gli occhi gonfi , un braccio che mi fa male ( batto i tasti con un dito solo , massimo due, chissà cosa combino alla muscolatura del mio braccio destro), e un gran mal di testa .
però almeno oggi ho lavorato tutto il giorno ( ieri invece ho portato a spasso l'ultima nata e faceva moltooo caldo, fuori, sono tornata a casa tutta sudata ) , domani continuo a fare la brava e adesso vado a stendere il bucato.
oggi il cielo a Tel Aviv era azzurrissimo e bellissimo.
immagino il mare sia stato un incanto.

mercoledì 25 maggio 2011

torno al blog

orno al mio blog dopo un mese di silenzio... troppe cose da fare, viaggi, virgoletta e ritorno, figli, esperienze .
ma sto bene, e non sono sparita, e mi rifarò viva nei prossimi giorni.
a raccontare di questo israele così bello , in queste giornate di primavera , e così pericoloso per chi ci vive, e affascinante.

martedì 19 aprile 2011

ultima volta arrigoni ( per ora)

Arrigoni era persona non gradita in Israele, che del resto lui odiava appassionatamente .
Ma chi l'ha ucciso era ancora più appassionato di lui.

sabato 16 aprile 2011

.. e poco dopo la sua morte

Per capire chi era Vittorio Arrigoni vado sulla sua pagina di facebook , seguitissima, e sul suo blog, dove firmava con lo pseudonimo Vik..
Leggo i suoi due ultimi post .
L'ultimo ,di due giorni fa, racconta del crollo di uno dei tunnel scavati dai palestinesi sotto il confine di Rafah e della morte di quattro palestinesi che ci lavoravano .
"Tramite i tunnel-racconta-" passano tutti i beni necessari che hanno permesso la sopravvivenza della popolazione di Gaza strangolata da 4 anni dal criminale assedio israeliano. Dai tunnel riescono a entrare nella Striscia beni principali quali alimenti, cemento, bestiame .
Anche gli ospedali della Striscia si approvvigionano dal mercato nero dei tunnel.
Dall'inizio dell'assedio a oggi più di più di 300 palestinesi sono morti al lavoro sotto terra per permettere ad una popolazione di quasi 2 milioni di persone di sfamarsi.
E' una guerra invisibile per la sopravvivenza.
I nomi degli ultimi martiri sono: Abdel Halim e suo fratello Samir Abd al-Rahman Alhqra, 22 anni e 38 anni, Haitham Mostafa Mansour, 20 anni, e Abdel-Rahman Muhaisin 28 anni".
( dai tunnell passano anche armi, ndr)


Alcuni giorni prima si era occupato invece della nuova flottilla che dovrebbe prossimamente muoversi verso verso Gaza.
"Secondo quanto riferisce la radio israeliana ," scrive " secondo Berlusconi la missione della Flotilla non lavorerebbe in supporto alla pace nella regione.
Proponendo dei negoziati da tenersi in Sicilia (nelle tenute di Vittorio Mangano?), il premier "bunga bunga" ha ricordato per l'ennesima volta che Israele è l'unico paese mediorientale amico dell'Occidente, e che dovrebbe entrare a far parte dell'Unione Europea.
Berlusconi spinge per l'adesione d'Israele alla Comunità Europea, e contemporaneamente farà cacciare l'Italia al più presto".

Ora la notizia della sua orribile morte , questa notte, apre i notiziari di Aljezeera e della radio e televisione israeliana. A Gaza la sua uccisione , non si sa esattamente quando, ma probabilmente poco dopo il rapimento per mano di estremisti salafiti, jaadisti e filo Al-Kaida e molto prima la fine dell'ultimato, ha provocato grande cordoglio. Il suo corpo è stato trovato dalle forze di sicurezza di Hamas a Gaza City , dopo una rapidissima e formidabile caccia all'uomo che ha portato all'arresto di uno dei rapitori, e il portavoce ha definito Arrigoni "un amico del popolo palestinese" e la sua uccisione "un crimine contro i nostri valori".
Arrigoni che viveva a Gaza dal 2008, avrebbe dovuto tornare in Italia lunedì per trovare il padre malato.
In Israele, che alcuni attivisti avevano addirittura accusato di essere responsabile del rapimento , Arrigoni era persona non grata.

Una decina di giorni fa era stato ucciso a Jenin anche Juliano Mer , figlio di padre arabo e madre ebrea, costruttore di pace e creatore di uno straordinario teatro della libertà nel campo profughi di Jenin .
I suoi assassini non sono ancora stati arrestati.
15 aprile 2011-04-15

vittorio arrigoni - scritto alcune ore dopo il rapimento

e uscito sul sito di vanity fair
"Gaza è tristemente avvolta nell'oscurità da dieci giorni, solo negli ospedali ci è concesso ricaricare computer e cellulari, e guardare la televisione con i dottori e i paramedici in attesa di una chiamata di soccorso. Ascoltiamo i boati in lontananza, dopo qualche minuto le reti satellitare arabe riferiscono esattamente dove è avvenuta l'esplosione. Spesso ci riguardiamo sullo schermo trarre fuori dalle macerie corpi, come se non bastasse averli visti in diretta. Ieri sera col telecomando ho scanalato solo una televisione israeliana. Davano un festival di musica tradizionale, con tanto di soubrette in vestiti succinti e fuochi artificiali finali. Siamo tornati al nostro orrore, non sullo schermo, ma sulle ambulanze. Israele ha tutti i diritti di ridere e cantare anche mentre massacra il suo vicino di casa. I palestinesi chiedono solo di morire di una morte diversa, che so, di vecchiaia"

Così scriveva mel suo blog Vittorio Arrigoni , volontario, attivista pro-palestinese ,il 9 Gennaio 2009 , durante l' operazione israeliana "Piombo fuso" che seguiva da Gaza.
Non ci possono essere dubbi sui sentimenti di Vittorio Arrigoni nei confronti dei compagni palestinesi, mi conferma un amico da Gaza . "Lo incontravo spesso qui a Gaza, ( anche in palestra!) so che a volte andava a dare una mano ai pescatori o ai contadini".
Arrigoni, che scriveva anche per il Manifesto, è stato rapito a Gaza da un gruppo islamico salafita che in un filmato su You Tube minaccia di ucciderlo entro 30 ore , a partire dalle 10 italiane di stamane , se il governo palestinese di Hamas non libererà alcuni detenuti salafiti, e per primo il loro leader Abu Al Waleed Al Maqdisi.
(La Salafyya è un movimento islamico fondato dal riformista islamico egiziano Rashid Rida verso la fine dell’Ottocento che boicotta ogni innovazione teologica e nega ogni tipo di modernità, chiedendo il ritorno alle origini, "al loro confronto " mi confermano da Gaza , "Hamas sono degli occidentali, e molto moderni") .
Nel video , postato su "You Tube" da "This is Gaza Voice" l'attivista , che collaborava anche con "Electronic Intifada", è vestito di nero e sembra essere stato colpito nel lato destro del viso. Un braccio gli sposta la testa mentre scorrono sullo schermo scritte in arabo con la data di oggi.
Nelle scritte Arrigoni è accusato di diffondere vizi occidentali , l'Italia di combattere contro paesi musulmani e Ismail Hanye di combattere la Sharya ( cioè la legge religiosa musulmana) .
Il video esorta inoltre i giovani di Gaza a ribellarsi al governo di Hanye "colpevole di gravi ingiustizie".
Una musica copre il sonoro del video e una strana scritta, probabilmente un commento successivo dice: " Il popolo di Gaza è dispiaciuto per ciò che questi bigotti hanno fatto a Vittorio. Siamo certi che sarà presto libero e salvo".
Non c'è ancora una risposta ufficiale di Hamas , che ha solo comunicato che il Ministero degli Interni sta controllando la notizia.
14 .04.11

martedì 12 aprile 2011

pasqua

sono due giorni sto facendo le pulizie di pasqua e insieme allo sporco ( che c'è in ogni casa normale, di certo ce n'è nella mia) butto via tutto ciò che è superfluo, rotto, non serve più o non uso più.
e per noi che abbiamo troppo di tutto , tanto da scordarci a volta di averlo, è importante accorgersene, almeno una volta all'anno, vedere quanto accomuliamo di inutile .
adesso sono stanca, distrutta, e mi metto davanti alla tivù a vedere qualcosa di squisitamente cretino.

pasqua

venerdì 1 aprile 2011

di nuovo a casa, a tel aviv

e mentre ero in italia è esplosa a gerusalemme una bomba , è iniziata la guerra in libia, continuata la paura del Giappone.
ha ragione margherita , neanche a virgoletta si scappa dalla paura di questi tempi, brutti tempi , tempi forsennati , rapidissimi, in cui tutto cambia in un attimo, e quello che era ieri non sarà domani.
e così la gioia di rivedere la mia casa , il mio uomo, i miei figli , i miei nipoti, si mescola alla paura, non è la paura che si ha in italia , dove si teme per l'economia, per la democrazia , per mille altre cose.
qui si teme per la vita .
è diverso.

domenica 13 marzo 2011

bruttissima giornata

ieri sera , appena finito il sabato abbiamo acceso la tivù . Ma era meglio se non l'avessimo fatto.
l'orrore del Giappone si è unito al bagno di sangue della famiglia di Itamar.
Che sia chiaro , i coloni di Itamar sono tra i più fondamentalisti tra i fondamentalisti. Gente che non crede ad alcuna possiblità di vivere in pace con i nostri vicini Palestinesi.
Che sia altrettanto chiaro, non è certo questa una buona ragione per sgozzarli, letteralmente. nè hanno alcuna colpa i loro tre bambini , la più piccola di due mesi.
in un'intervista fatta a Nablus da un giornalista israeliano anche i passanti palestinesi sembravano inorriditi.

mi prende una forte sensazione di dejà vu: presto ci sarà la loro vendetta, e poi la vendetta alla vendetta. e così via. Persino le forze della natura sembrano ribellarsi alla infinita stupidità umana.

haiot adam , cioè belve umane ,urlava la prima pagina di uno dei quotidiani.
Veramente secondo me siamo peggio degli animali.

mercoledì 9 marzo 2011

festa

ieri abbiamo festeggiato il compleanno dei nostri nati il 26 febbraio,
le gemelle erano al settimo cielo, maia ha dormito, mangiato ed è stata ammirata.
youval, 5 anni, aveva un'aria molto blasè.
eravamo solo la famiglia allargata , ed è stato piacevole, bello
la mattina prima avevo babisitterato una delle gemelle , e immediatamente mi ha attacco il raffreddore.
noi vecchiette....
comunque da quando bruno pucciarelli mi ha fatto passare i dolori dei calcoli , non mi sono mai tornati.in compenso mi è venuto male a un ginocchio.
mi fa male scendere( non salire!)le scale.come si diceva, noi vecchiette...
adesso mi infilo a letto. fuori diluvia e fa abbastanza freddo,
domani forse nevicherà a gerusalemme.e martedì parto per un tour de force in italia. (per saving children) -e anche per ricevere un premio a Benevento.

sabato 5 marzo 2011

venerdì 4 marzo 2011

evviva le nonne


grazie a chi mi ha scritto facendo gli auguri , auguri a tutte le neo nonne e evviva le nonne e i nonni e sopratutto le madri e i padri che devono essere dotati di una buona dose di ottimismo ( o incoscenza) per continuare a mettere al mondo figli di questi tempi.
la nostra ultima nata non ha ancora un nome.
domani verrà annunciato pubblicamente e lo sapremo anche noi (nonni).
per la par condicio pubblico oggi la foto delle gemelle, le sue cugine di tre anni, e un bellissimo articolo scritto di Aldo Baquis per l'Ansa...
ANSA/ ISRAELE: SEGREGAZIONE SESSI IN TEMPIO MUSICA TEL AVIV
UGOLA D'ORO ORTODOSSA IMPONE SUE REGOLE, LAICI PROTESTANO
(di Aldo Baquis)
(ANSA) - TEL AVIV, 3 MAR - I rapporti fra laici e religiosi
nella solitamente tollerante Tel Aviv hanno subito ieri
un'inedito sfregio, agli occhi dei primi, quando all'ingresso
dell'Auditorium Mann - dove è di casa la celebre Orchestra
filarmonica israeliana - uomini e donne sono stati per la prima
volta separati per genere agli ingressi. Gli uni scortati in
platea, le altre confinate sulle tribune.
La 'segregazione sessuale' in una piazza che è il cuore
della cultura secolare cittadina (vi si affacciano anche il
Teatro nazionale Ha-Bima e il Padiglione di arte moderna Helena
Rubinstein) è stata imposta da una giovane 'star' della musica
ebraica ortodossa, Yaniv Ben-Maschiach (letteralmente 'Figlio
del Messia'). Questi ha chiarito che per motivi religiosi non si
sarebbe certo esibito di fronte a un pubblico "misto". E il
municipio di Tel Aviv, proprietario del Palazzo della Cultura
che ospita il prestigioso auditorium, ha alla fine ceduto.
Ieri, dunque, mentre tremila spettatori timorati premevano
verso gli ingressi - felici di essersi procurati i contesi
biglietti del concerto d'un artista ritenuto senza eguali dalle
comunità osservanti sefardite per i suoi delicati gorgheggi -
un picchetto di attivisti laici e femministe ha scandito slogan
d'indignazione.
Ci sono stati battibecchi, ma non violenze. Donne di nero
vestite hanno ribadito con trasporto di non sentirsi per nulla
umiliate dalla segregazione. "Lo vogliamo noi stesse", hanno
detto agli scettici contestatori. "Contente noi, contenti
tutti", hanno tagliato corto.
"Invece non è affatto accettabile che nel Palazzo della
Cultura di Tel Aviv venga adottata una misura umiliante,
sciovinista e primitiva" ha replicato all'ANSA Tamar Zandberg,
presidentessa della Commissione municipale pari opportunità.
Esponente del partito di sinistra Meretz, Zandberg si era
rivolta il mese scorso al sindaco laburista Ron Hulday affinché
impedisse la separazione per sessi in un edificio pubblico, noto
per le esibizioni di grandi artisti come Zubin Metha e Daniel
Barenboim e nel prossimo futuro anche di Gilberto Gil.
"Hulday non mi ha nemmeno risposto", ha lamentato Zandberg,
secondo la quale appare allarmante la crescente influenza in
Israele e "la radicalizzazione degli ambienti ortodossi": che
a Gerusalemme sono riusciti a imporre "non solo autobus, ma
persino marciapiedi segregati" nei loro quartieri.
"Tel Aviv-Jaffa è una città democratica e pluralistica,
che rispetta ogni persona e ogni stile di vita", ha risposto
l'amministrazione comunale in un comunicato tanto stringato da
sembrare quasi imbarazzato. "Di conseguenza - vi si legge - il
municipio autorizza l'affitto dei suoi edifici per svolgervi
eventi di tutti i generi. E così continuerà a fare". (ANSA).

sabato 26 febbraio 2011

è nata



... incredibilmente è nata , con uno strano ritardo di due giorni, a mezzanotte e 18 minuti, il 26 febbraio , giorno della morte dello zio Joni che non conoscerà mai, la nostra sesta nipotina , la quarta nipote che nasce lo stesso giorno, dopo Yuval (5 anni) di Michal , Gaia e Lia ( tre anni) le gemelle di Eyal, tutti nati il 26 Febbraio! .
nel suo numero di carta d'identità ,i numeri 10.7 che sono la data di nascita di Joni. siamo commossi, stupiti, sbalorditi, da questa straordinaria, inspiegabile coincidenza . nella foto la bambina che ancora non ha un nome con la sua sorella maggiore Gali (13 anni anni a maggio) e tutta sola ....

venerdì 25 febbraio 2011

nascite...

michal ha ormai le doglie ogni 10 minuti , sta andando in ospedale , noi andiamo da lei per stare con i bambini , la nuova nipotina sta per nascere... speriamo vada tutto bene ...

lunedì 21 febbraio 2011

e rieccomi a tel aviv

piove a tel aviv. ho lasciato virgoletta in una bellissima giornata limpida e tutto intorno le montagne bianche di neve e mi ritrovo a tel aviv , grigia, un pò piovosa.
adesso la parte difficile è rimettersi in moto in modo diverso , il modo di tel aviv, disfare le borse, ricominciare da capo, da qui. sono ancora un pò assonnata , sono arrivata a casa alle quattro di mattina, ora israeliana , la casa è in disordine , e ogi volta che torno sento il bisogno di riconquistarmela, rifarmela mia, ripulirla.
adesso mi ci metto.

lunedì 7 febbraio 2011

virgoletta

qui c'è un sole meraviglioso ma la casa ci ha messo un bel pò a scaldarsi sul serio, la mattina e la sera fa freddo e adesso , di mattino, c'è un gran nebbione.
i miei calcoli col freddo protestano e fanno male e ieri sera ho preso un anti dolorifico potente che dovrebbe far bene anche come anti-infiammatorio ... mi sento una specie di bollettino medico....ma giuro che resisterò!
il mio articolo su virgoletta è appeso, incorniciato, fuori dalla chiesa.

sabato 5 febbraio 2011

in partenza

ho seguito con attenzione , e scritto per vanity , ciò che è successo in egitto in questi giorni.
adesso diventa ancora più importante e urgenteun accordo coi palestinesi, ma i nostri governanti, come arroccati nella loro villa nel cuore della giungla , sembrano non pensarci neppure.
questa notte partiamo per virgoletta , ho bisogno di riposo.
p.s. mi hanno trovato in calcolo di in cm e mezzi nel rene sinistro e uno più piccolo in quello destro. mi fanno male.

venerdì 28 gennaio 2011

egitto continua

il commentatore israeliano militare israeliano che come il solito le sbaglia tutte, aveva gi' dato mubarak come sparito.
invece ora ha appena finito il suo discorso al popolo.
per ora resiste . ma non è assolutamente chiaro come andra' a finire...la situazione rimane molto molto pericolosa.

egitto

sono attaccata alla tivù dalle prime ore del pomeriggio, cercando di capire cosa sta succedendo in Egitto. la televisione israeliana sta trasmettendo le immagini senza interruzione. non si sa cosa sia successo nel caos e nell'anarchia a mubarak. i ricchi stanno già fuggendo con i loro aerei privati .
stanno liberando i prigionieri dalle galere .
forse dall'italia sembra meno importante , ma l'egitto ha un confine con Israele , e visto da qui, fa molta paura.
Avraham non c'è . sono sola a casa. non mi son voluta muovere perchè la congiuntivite mi è passata anche all'altro occhio.
Cosa adesso guardo la cnn e lacrimo da entrambi gli occhi infiammati...

giovedì 27 gennaio 2011

nipoti ammalate

le due simpatiche pesti (le gemelle) che sto babisserando da ormai 15 giorni , mentre i loro genitori vanno a lavorare mi hanno attaccato
a- l'influenza
b- la congiuntivite
sono a pezzi !
non ho più l'età... ma loro si divertono e continuano ad essere contentissime di venire qui invece di andare all'asilo
(mica son sceme)

domenica 16 gennaio 2011

bollettino medico

mi sento meglio, anche se continuo ad essere afona e comunque dopo una giornata a far da baby sitter a gaia, una delle gemelle, anche stanca.
oggi hanno fatto vedere alla tivù israeliana l'ennesimo servizio su Berlusconi e la fanciulla Ruby e c'era veramente da stare allegri.
poi il verdetto nel caso dell'ex Presidente Katzav , condannato per stupro .
che bei paesi mi sono scelta .

sabato 15 gennaio 2011

e di nuovo il compleanno

... mai ricevuti così tanti auguri in vita mia.
di nuovo grazie a tutti, mi sono veramente commossa.
adesso finalmente piove, piove sulla dimostrazione della sinistra ( sempre così fortunata) che protesta contro l'inchiesta parlamentare che vuole controllare gli ong che si occupano di diritti umani , liberman fa paura,c'è puzza di maccartismo.
io non ci sono andata perchè ho mal di schiena, mal di stomaco e sono completamente afona . e da domani babysitter di una gemella .
e adesso prendo un'altra aspirina e vado a letto.